Tempo di iscrizioni al nuovo anno scolastico per le famiglie italiane. Dalle otto di stamattina fino al 31 gennaio  sarà possibile scegliere la scuola sul portale www.iscrizioni.istruzione.it. Un’operazione che interessa circa 1,5 milioni di studenti dei diversi ordini di scuola e che il ministro dell’Istruzione Marco Bussetti ha voluto anticipare per far partire prima la macchina delle operazioni necessarie a portare in cattedra tutti i docenti sin dall’inizio dell’anno scolastico. La prima cosa da sapere è che non si tratta di un “click day”: le famiglie hanno tempo 24 giorni per iscrivere il proprio figlio e non vi è alcun criterio di precedenza. Anche quest’anno l’adesione delle scuole paritarie al sistema delle “Iscrizioni on line” resta facoltativa. Ecco come iscrivere il proprio figlio. Il primo passo da fare è quello della registrazione che deve essere effettuata dal genitore o da chi esercita la responsabilità genitoriale.  Chi ha un’identità digitale Spid (Sistema pubblico di identità digitale) non deve fare la registrazione e può accedere al servizio a partire da oggi. Per farlo serve avere a portata di mano il proprio codice fiscale per compilare una scheda con i dati anagrafici e l’indirizzo e-mail. Secondo passo: la compilazione e l’inoltro della domanda. Effettuata la registrazione, si può presentare la domanda di iscrizione inserendo il codice identificativo della scuola o del Cfp prescelto.

Il modello di domanda on line è composto da due sezioni: nella prima viene richiesto di inserire i dati anagrafici dell’alunno e altre informazioni necessarie per l’iscrizione; nella seconda vengono richieste informazioni di specifico interesse della scuola prescelta. La domanda, una volta inviata alla scuola, non può più essere modificata. In caso di cambiamenti, è necessario contattare la scuola destinataria della domanda che può restituirla, sempre attraverso il portale. Terzo passo. Il sistema restituisce automaticamente una ricevuta di conferma d’invio della domanda. La scuola di destinazione conferma l’accettazione oppure, in caso di indisponibilità di posti, la indirizza ad un’altra scuola, scelta dal genitore come soluzione alternativa.

Come funziona per i vari ordini di scuola – Alla scuola dell’infanzia la domanda resta cartacea e va presentata alla scuola prescelta. Possono essere iscritti i bambini che compiono il terzo anno di età entro il 31 dicembre 2019, che hanno la precedenza. Possono poi essere iscritti i bambini che compiono il terzo anno di età entro il 30 aprile 2020. Alla scuola primaria le iscrizioni si fanno on line. I genitori possono iscrivere alla prima classe i bambini che compiono sei anni di età entro il 31 dicembre 2019. Si possono iscrivere anche i bambini che compiono sei anni dopo il 31 dicembre 2019 e comunque entro il 30 aprile 2020. Per la secondaria di I grado all’atto dell’iscrizione on line, i genitori esprimono le proprie opzioni rispetto alle possibili articolazioni dell’orario settimanale. Per l’iscrizione alle prime classi a indirizzo musicale, i genitori devono barrare l’apposita casella del modulo di domanda di iscrizione on line. Per quanto riguarda la secondaria di II grado, nella domanda di iscrizione on line alla prima classe di una scuola secondaria di secondo grado statale, i genitori esprimono anche la scelta dell’indirizzo di studio, indicando anche l’eventuale opzione rispetto ai diversi indirizzi attivati dalla scuola.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Normale di Pisa, 287 accademici firmano appello per unirsi alla Federico II di Napoli: “Proposta di crescita per il Sud”

prev
Articolo Successivo

Università, l’onorevole Bella ci spieghi di quali cifre reali disporranno gli atenei per assumere

next