La Polizia postale ha identificato il minore autore del video nel quale veniva rappresentato un tredicenne, armato di pistola, che, dopo aver cantato un brano neomelodico napoletano dedicato ai detenuti, sparava un colpo in aria. Il 4 gennaio era stata denunciata la pubblicazione del video su Facebook e subito diventato virale. Prima che venisse oscurato aveva totalizzato oltre 120 mila visualizzazioni.

La procura presso il tribunale per i minorenni di Napoli ha tempestivamente aperto un fascicolo per il coordinamento delle indagini. Grazie agli accertamenti condotti dai poliziotti del Compartimento Polizia postale e delle comunicazioni di Napoli, mediante consultazione incrociata di fonti aperte e di banche dati di polizia, il protagonista del video è stato identificato in un giovane siciliano di 13 anni cresciuto in un contesto difficile.

Da quanto risulta il minore e i componenti della sua famiglia sono stati segnalati più volte all’Autorità giudiziaria per reati contro il patrimonio. Inizialmente si pensava che il ragazzo ripreso fosse originario del capoluogo campano, per il fatto che il protagonista del video si esibisce nel canto di un brano di musica neomelodica. Invece, queste canzoni sono largamente diffuse anche negli ambienti popolari della Sicilia, in cui i minori imparano a cantarle in perfetto dialetto napoletano.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Reddito di cittadinanza, chi può chiederlo. La video-scheda

prev
Articolo Successivo

Milano: “Il popolo non è razzista, Lega di m…”. Scritte con insulti sui muri della sede del Carroccio in via Bellerio

next