Lui ha provato a violentarla, lei lo ha ucciso a coltellate. È la versione fornita agli inquirenti dalla ragazza minorenne fermata in provincia di Siena con l’accusa di essere l’autrice dell’omicidio di un 63enne marocchino a Castelnuovo Scalo. La giovane, secondo quanto riferiscono gli stessi carabinieri, ha ammesso di essere l’omicida spiegando di esser stata aggredita dall’uomo. Il decreto di fermo è stato emesso dalla procura minorile di Firenze e ora la ragazza si trova in un centro di accoglienza per minori. Secondo quanto appreso, il 63enne marocchino era completamente nudo e presentava numerose ferite di arma da taglio sul volto e sul busto. Il corpo è stato ritrovato all’interno di una fornace di laterizi dove l’uomo aveva lavorato per anni. Nella fattispecie, il cadavere è stato rinvenuto in uno degli appartamenti dati in dotazione agli operai della fornace dove l’uomo continuava a vivere nonostante avesse smesso di lavorare. L’allarme è scattato nella tarda serata di ieri, venerdì 4 gennaio.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Rifiuti Roma, il collegio sindacale di Ama boccia il bilancio 2017. Ma un membro Oic lo smentisce: “Obiezioni non fondate”

next
Articolo Successivo

Trieste, vicesindaco leghista getta coperte di un clochard e se ne vanta su Facebook. Pd: “Si dimetta”, Fedriga (Lega): “Falsità”

next