Ci stiamo abituando a parlare con le macchine, e pian piano anche a usare la voce al posto della password. È quanto suggerisce una ricerca sviluppata dalla società Spitch, che si occupa appunto di sviluppare e implementare soluzioni vocali per una varietà di clienti; dalle banche alle assicurazioni passando per operatori di trasporto pubblico.

È un’esperienza che abbiamo avuto tutti, quella di chiamare il servizio clienti e sentirsi rispondere da una voce robotica e automatizzata. Anni fa non capivano quasi nulla ed erano frustranti, ma oggi “solo” il 55% delle persone trova questo sistema insoddisfacente. E se si guarda al futuro l’86% degli italiani crede in un futuro robotizzato per i call center, praticamente in un’assistenza clienti fatta quasi esclusivamente da operatori virtuali – con i veri esseri umani chiamati in causa solo per i casi più complessi.

Tra i vantaggi, il 43% degli intervistati apprezza il fatto che l’operatore digitale risponde subito, evitando la noia di una lunga attesa (e i relativi costi, per i numeri a pagamento). In caso di servizi molto personali, come il conto bancario, c’è il vantaggio di poter operare a voce e allo stesso tempo non condividere informazioni con nessuno – per esempio si può chiedere il saldo al robot, con la sensazione che nessun operatore telefonico vedrà quel numero.

La voce si può anche usare al posto della password: si fa una chiamata, il sistema capisce con chi sta parlando e concede l’accesso (al conto corrente, all’assicurazione, ai fondi d’investimento, etc.). È un sistema relativamente nuovo ma già piuttosto diffuso: lo ha provato il 33% delle persone, ma il 42% ancora non si fida perché teme che una voce contraffatta lo possa ingannare. Il che è probabilmente vero, ma la sicurezza non è mai assoluta e anche i sistemi basati su password hanno i loro problemi. Spitch aggiunge a riguardo di avere già strumenti in grado di distinguere tra le voci di due gemelli. In ogni caso è ancora presto per pensare di mandare in pensione la password in favore della voce, visto che solo il 14% ci vede un qualche vantaggio. Eppure le ragioni non mancherebbero per smettere di usarle il prima possibile.

Il segnale è comunque rilevante, soprattutto se si unisce la percezione delle persone riguardo l’evoluzione delle tecnologie in questo settore. È molto probabile che nei prossimi anni i call center, almeno alcuni, saranno del tutto automatizzati. Robot che risponderanno alle nostre chiamate e risolveranno i nostri problemi, per passare la patata bollente a un essere umano solo in casi estremi.

E ciò che già accade in alcuni contesti industriali e professionali, dove i tecnici usano sistemi di Intelligenza Artificiale come assistenti, che gestiscono in autonomia i casi più semplici. Guardando ai call center, dove oggi lavorano cento persone domani potrebbero essere cinquanta, e dopodomani solo dieci.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Come creare e usare password sicure, per andare online senza preoccupazioni

next
Articolo Successivo

L’autonomia del notebook non basta mai? Ecco qualche trucco per aumentarla

next