Otto parcheggiatori abusivi sono stati allontanati dalla Campania al termine di un’indagine dei carabinieri coordinata dalla procura della repubblica di Napoli. Destinatari della misura cautelare del divieto di dimora emesso dal gip di Napoli, sono accusati di associazione per delinquere finalizzata all’estorsione. Almeno 27 gli episodi accertati nella zona del centro storico del capoluogo campano. L’indagine nasce dalla denuncia di una donna che, giunta col proprio veicolo su via Sedile di Porto, era stata avvicinata da uno degli indagati. Quest’ultimo, con la minaccia di danneggiarle l’auto, aveva tentato di farsi consegnare del denaro. Gli investigatori hanno accertato l’esistenza di una vera e propria associazione che attraverso l’occupazione e l’interdizione con bidoni dell’immondizia, sedie e auto delle aree di sosta Anm garantiva un controllo capillare di quella parte della città. Inoltre imponevano agli utenti della strada il pagamento di somme di denaro variabili a seconda della durata della sosta e degli eventi in corso nelle vie limitrofe. Le attività investigative sono state effettuate anche con l’installazione di un sistema di videosorveglianza. Gli 8 organizzavano la loro attività con veri e propri turni studiati per massimizzare i profitti. Gestivano il denaro singolarmente estorto alle vittime facendolo entrare in un’unica cassa. Presidiavano in modo assiduo e continuativo via Sedile di Porto. Taluni sono risultati essere dediti abitualmente e da molti anni a delitti della stessa indole

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Padova, donano 377 giorni di ferie a due colleghi per assistere il figlio malato: il regalo di Natale di 147 dipendenti dell’Asl

prev
Articolo Successivo

Sciopero dei medici il 25 gennaio contro la manovra: “Risposte deludenti alle richieste della categoria”

next