L’impegno per Nicola Zingaretti alle primarie del Pd. E poi un listone unico di Progressisti. È uno scenario che provoca subito reazioni tra i dem quello evocato da Massimo D’Alema. Dopo mesi di silenzio, l’ex presidente del consiglio è tornato. E ha scelto il ventesimo anniversario di Italianeuropei, la fondazione che anima per intervenire sui destini del suo ex partito. Nessuna citazione diretta, né del Pd e neanche di Matteo Renzi . Come racconta La Stampa, D’Alema ha prima raccontato alla platea i suoi scontri con Condoleezza Rice – ai tempi in cui era ministro degli Esteri – o di quella volta che bastarono quattro telefonate tra capi di governo per distribuire decine di migliaia di kosovari in fuga dalla guerra. Poi ecco la bomba: “Io sono portato alla battaglia ma in questa fase mi controllo molto…È tale lo stato delle cose a sinistra che ho paura di fare del male”. Risate e applausi. Quindi il definitivo endorsement: “C’è bisogno di fare un congresso tutti assieme! Qui bisogna ricostruire un campo politico, altrimenti non conteremo nulla nel futuro dell’Italia”.

Il messaggio ad Articolo1 è chiaro: dare una mano a Nicola Zingaretti, alle primarie dell 3 marzo 2019. Ma non solo: perché a microfoni spenti è un’altra l’ipotesi che circola. Sondare i dem per una lista unica di progressisti alle elezioni europee. Secondo Goffredo Bettini, europarlamentare Pd e “inventore” politico di Zingaretti, “occorre costruire un campo largo e nuovo di tutti i progressisti, sin dalle prossime settimane”. Quella della lista progressista alle europee è un’ipotesi percorribile? “Io penso di sì“, dice Bettini.  Simile l’affermazione di Massimiliano Smeriglio, braccio destro di Zingaretti, che in una intervista al Manifesto, dice: “Mi piacerebbe se la sinistra fuori dal Pd partecipasse alle Primarie”. Il diretto interessato, cioè Zingaretti, invece, tace. D’Alema lo aveva invitato all’evento di Italianieuropei ma lui ha rifiutato consapevole che già solo le affermazioni dell’ex leader dei Ds avrebbero smosso le acque tra i dem. Anche perché il meeting di D’Alema è l’occasione per il ritorno di altri personaggi scomparsi dalla cronaca quotidiana. Secondo Gianni Cuperlo -citato da Repubblica – il congresso è l’occasione per affrontare  anche un’altra questione: “Sisarticolare questa maggioranza ibrida” aprendo un dialogo coi 5 Stelle. “Non si chiama trasformismo o inciucio ma politica”, dice l’ex deputato.

Lo dice anche Massimo Cacciari all’Adnkronos: “Chiunque vinca il congresso del Pd dovrà confrontarsi con l’M5s”. Anche se – sempre secondo La Stampa – il M5s avrebbe un problema: Silvio Berlusconi avrebbe confidato ai suoi che al Senato ci sono sei esponenti del M5s pronti a passare con lui. E a Palazzo Madama la maggioranza è solo di 8/10 voti. Sarà per questo che vede per il futuro la prospettiva di un governo di centrodestra. “Appare – dice all’evento di Italianieuropei – la prospettiva più probabile anche perché non si vede bene quale altra prospettiva politica ci sia, questo dovrebbe essere uno dei compiti del congresso Pd mettere in campo una prospettiva politica”.

La polemica tra i dem si è però accesa sulle altre affermazioni del leader maximo: quell’appoggio fantasma a Zingaretti. “Non capisco. L’idea di Nicola Zingaretti e Paolo Gentiloni è ricominciare da D’Alema, Bettini, Bassolino etc per fare un’alleanza con i 5 stelle che stanno crollando in mezzo a mille contraddizioni? Che senso ha? Non si comprende”, scrive Carlo Calenda su twitter.  “A volte ritornano”, continua l’ex ministro. E poi aggiunge sulle smentite di Zingaretti a proposito di una eventuale alleanza con i 5 Stelle: “Ho preso per buona la smentita di Zingaretti ma ogni settimana ce ne è una nuova su LeU o M5s. Anche basta. E mi stupisco che Paolo Gentiloni non dica una parola chiara su questa linea. E lo dico da suo supporter numero 1″. “Adesso arriveranno le solite smentite così come era stato per l’ipotesi di alleanza con i 5stelle. Penso sia chiaro chi ha in mente il futuro del Pd e del Paese e chi guarda al passato”, dice Matteo Richetti, che invece nella corsa alla segreteria sostiene Maurizio Martina.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

C'era una volta la Sinistra

di Antonio Padellaro e Silvia Truzzi 12€ Acquista
Articolo Precedente

Milan, Salvini alla festa della Curva Sud: “Ci sono indagati? Anche io sono indagato. Tifo e violenza cose diverse”

next
Articolo Successivo

Napoli, Costa a Salvini: “Non ha senso continuare a parlare di termovalorizzatori, economicamente non convenienti”

next