“Venite subito… ho colpito con diverse coltellate mio marito mentre dormiva, accanto a me c’è mio figlio, è tutto insanguinato…”. Così Salvatrice Spataro, 45 anni, ha raccontato al 118 di aver ucciso suo marito, Pietro Ferrara, nella loro casa in via Falsomiele a Palermo. A vibrare fendenti contro l’uomo, 45 anni, pensionato dell’esercito, anche due dei suoi quattro figli, Mario, di 20 anni, e Vittorio di 21.

Secondo quanto ricostruito dagli investigatori, la donna subiva soprusi e maltrattamenti in famiglia da anni. Così, dopo l’ennesimo litigio con il marito nella serata di venerdì, nella notte ha preso un coltello da cucina e ha iniziato a colpire il marito. I due figli maggiorenni, richiamati dalle urla, si sono presentati in camera da letto e hanno hanno infierito sul padre con gli altri due coltelli, usati per squartare gli animali. I ragazzi infatti in passato avevano lavorato in una macelleria a Palermo. Passa qualche minuto e Salvatrice chiama il 118, urlando nella cornetta: “Venite subito, ho ucciso io mio marito”. Dalle prime indagini della polizia è emerso che la coppia litigasse di frequente, tanto che venerdì i due figli minori erano stati mandati a dormire dalla nonna.

I tre hanno confessato già in mattinata, sono state arrestati e portati in carcere al Pagliarelli. Per loro l’accusa è di omicidio. “Tutti e tre hanno confessato subito. Abbiamo trovato una situazione che non lasciava dubbi, con tracce ematiche sugli autori”, ha spiegato Rodolfo Ruperti, capo della squadra mobile di Palermo. I tre erano coperti di sangue con evidenze nette sulla dinamica del delitto; ora si indaga sul movente. La donna non aveva mai denunciato alcun maltrattamento in famiglia, anche se i vicini giurano sul fatto che le liti fossero all’ordine del giorno da quell’appartamento. Il corpo dell’uomo è stato trasferito nella camera mortuaria all’ospedale Civico, mentre sarà l’autopsia disposta dal sostituto procuratore Gianluca De Leo a stabilire quanti sono stati i fendenti a uccidere Ferrera.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Catania, omicidio-suicidio: padre uccide moglie e figli di 4 e 6 anni, poi si toglie la vita. Corpi trovati dal nonno materno

next
Articolo Successivo

Sondrio, auto contromano sulla statale 38: sei persone muoiono in un frontale

next