Strano destino per alcuni dei 19 lavoratori di ditte in zona rossa a causa del crollo del ponte Morandi. Proprio nel giorno in cui ricorre il quarto mese della tragedia hanno ricevuto le lettere di licenziamento. Tre aziende hanno deciso di non riaprire, sono l’autorimessa Lamparelli e le imprese di vendita di materiale edile Vergano e Piccardo. Alcuni erano già stati licenziati. Oggi hanno ricevuto le lettere quelli della Lamparelli.

“Chiediamo che non si spenga l’attenzione sulla nostra condizione – dice il loro portavoce Marco Trucco – da agosto siamo senza stipendio e non avremo la possibilità di accedere ad ammortizzatori sociali”. Una delegazione di questi lavoratori ha partecipato alla commemorazione delle vittime. Il Comune sta lavorando a un emendamento da inserire in legge di stabilità per assumere questi lavorati, se non tutti e subito, almeno a scaglioni, nelle sue partecipate, sempre in base alle esigenze legate all’emergenza ponte

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Amazon, il nostro giornalista assunto in incognito e la ‘vera vita della gente’

prev
Articolo Successivo

Mense scolastiche, i veri responsabili dello scandalo non sono i lavoratori ma gli appalti al ribasso

next