“Non c’è stata nessuna retromarcia in Europa. Siamo impegnati in una interlocuzione per portare a casa reddito di cittadinanza, pensione di cittadinanza, quota 100”. Così oggi parla Luigi Di Maio, al termine della sua audizione in Commissione di Vigilanza Rai a Palazzo San Macuto. Il vicepresidente del Consiglio poi ribatte quando gli facciamo notare che il 20 ottobre sosteneva che “non c’è nessun ripensamento sul 2,4% di deficit-Pil perché scendere sotto il 2,4% significa non fare quota 100 e non fare il reddito di cittadinanza e non rimborsare i truffati delle banche”. “Ora scopriamo dalle relazioni tecniche che, zelanti com’eravamo stati, avevamo messo più soldi di quelli che servivano. Se Conte dovesse tornare da Bruxelles evitando la procedura d’infrazione io gioirò ancora, magari non dal balcone di Palazzo Chigi che è in ristrutturazione. Di Mio poi ironizza sull’equivoco tra il 2,4% e il 2,04%. “È stato fatto di proposito per far confondere i cittadini? Non ci sopravvalutate”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Pensioni d’oro, gli ex-dirigenti: “Noi pronti alla guerra. Taglio di 500 euro su 5mila? Non andrò più in vacanza”

prev
Articolo Successivo

M5s, De Luca: “Grillo? Asino geniale. Accordo sul 2,04%? Opera del malefico Casalino. Sono malviventi e truffatori”

next