Il cognome di Kissima, ex-calciatore maliano di 23 anni, è Dante. Niente a che vedere con il poeta, di cui ha scoperto l’esistenza tre anni fa, appena arrivato in Italia. È originario della capitale del Mali Bamako e ha lasciato il paese nel 2012, dopo il colpo di stato. Oggi vive a Firenze e lavora come addetto alla sicurezza di un negozio del centro. Nel 2016 ha fondato la Ong Asahi con l’obiettivo di non far perdere la speranza ai migranti e aiutarli a districarsi davanti alle difficoltà della burocrazia italiana. Ogni mattina, Dante accompagna uno o più migranti a cercare lavoro, in questura o dal medico, ormai da due anni. “Vedo tanti ragazzi e ragazze abbandonati a se stessi nei giardini, per le strade. Voglio aiutarli, per fare un lavoro d’integrazione”, spiega Kissima Dante. Adesso sta portando avanti le proteste contro l’ordinanza del comune di Firenze che obbliga i migranti a rispettare il coprifuoco dalle 20 alle 8 di mattina nei centri di accoglienza (restringendo libertà e possibilità lavorative). Inoltre è uno dei referenti fiorentini per la manifestazione del 15 dicembre, per i diritti dei migranti

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO DAVVERO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire perché noi, come tutti, non lavoriamo gratis. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Congedo maternità, la produttività non è tutto. Sul lavoro fino al nono mese andrei cauto

next
Articolo Successivo

Silvana De Mari condannata per le sue frasi contro la comunità Lgbt. Disse: “L’omosessualità è contro natura”

next