Milano si prepara al varo della zona a traffico limitato più grande d’Italia, la cosiddetta Area B, che a partire dal 25 febbraio 2019 inibirà l’accesso a tutta l’area urbana ai veicoli più inquinanti. Tra i cittadini ascoltati per le strade della città prevalgono i commenti di consenso. “La priorità è la salute, è giusto prendere provvedimenti severi contro l’inquinamento”, dichiarano in tanti. “A patto però – aggiunge più di una voce –  di potenziare davvero l’offerta di mezzi pubblici”.

Ma c’è chi osserva: “si tratta di una misura necessaria ma insufficiente: il problema si affronta con la diffusione di tecnologie non inquinanti come l’auto elettrica” . E chi obietta: “subiranno un danno coloro che hanno necessità di muoversi in modo autonomo e non possono permettersi l’acquisto di nuovi veicoli”. Ragioni che non convincono chi evidenzia la necessità di un salto culturale: “l’auto di proprietà dev’essere usata il meno possibile nei centri urbani, il cambiamento deve partire da noi”. E voi che ne dite?

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Smog, auto diesel Euro 4 ferme in tutto il Nord Italia fino a lunedì: superati limiti

prev
Articolo Successivo

Mose, Nature: “Aumento del livello delle acque limiterà l’efficacia. Così il progetto mette a rischio l’ecosistema lagunare”

next