La sentenza prende atto che sono trascorsi sette anni e sei mesi dalla data di commissione del fatto. Così la Corte d’appello di Torino ha dichiarato la prescrizione di un reato contestato a Beppe Grillo e ad altre nove persone in occasione di una visita in Valle di Susa, nel dicembre 2010, agli attivisti No Tav. Si trattava della violazione dei sigilli apposti dalle autorità a una baita-presidio dei contestatori della Torino-Lione. In primo grado, nel 2014, Beppe Grillo era stato condannato a quattro mesi di reclusione senza condizionale. Non ci sono i “presupposti per una pronuncia assolutoria nel merito”, è quanto si legge nella sentenza.

La decisione della Corte d’appello riguarda in tutto dieci persone, fra le quali figura Alberto Perino, 72 anni, leader storico dei No Tav. La posizione di un undicesimo imputato, Giorgio Rossetto, attivista del centro sociale torinese Askatasuna, è stata stralciata perché gli viene contestata la “recidiva”.

Il 5 dicembre 2010, Beppe Grillo andò in Valle di Susa per visitare la baita-presidio, costruita (abusivamente, secondo le autorità amministrative) in una zona oggi inglobata nel perimetro del cantiere dell’Alta velocità. Durante il viaggio fu contattato dall’allora comandante dei carabinieri di Susa, il colonnello Antonio Mazzanti, che lo avvertì delle conseguenze in caso di ingresso. Grillo, sotto gli occhi di decine di attivisti No Tav, varcò ugualmente la soglia della casetta.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Scontro Salvini-Spataro, Ermini (Csm): “Lavoro serio della magistratura non va utilizzato per scopi di propaganda”

next
Articolo Successivo

Foggia, minorenni costrette a prostituirsi: 6 fermati. “Picchiate e segregate in una baracca. Volevano vendere un neonato”

next