Negli asili comunali non sarà possibile trovare nessun tipo di giocattolo che possa fare riferimento a culture differenti da quella italiana. È quanto ha deciso l’ultimo consiglio comunale di Codroipo, 16mila abitanti in provincia di Udine, con un emendamento approvato dalla maggioranza di centrodestra che metterà al bando ogni riferimento alle “diverse culture” o alle “culture di provenienza” degli alunni. Quindi anche a strumenti musicali che vengono utilizzati in altri Paesi o bambolotti con la pelle scura. Come riporta il Messaggero Veneto, all’ordine del giorno dell’ultimo consiglio comunale c’era una modifica del regolamento dell’asilo nido “Mondo dei piccoli” per renderlo coerente con le disposizioni regionali in materia di accreditamento delle strutture: ridurre il rischio emarginazione dei bambini anche attraverso l’introduzione di giocattoli che fanno riferimento a diverse culture a quella italiana.

Un punto respinto dalla maggioranza al momento della ratifica del testo in consiglio comunale, presentando poi un emendamento correttivo firmato dai quattro capigruppo per eliminare ogni riferimento alle “culture diverse”. Le proteste del Pd non sono valse a nulla, con il primo cittadino Fabio Marchetti – in carica dal 2016 – che ha respinto le accuse, precisando che al regolamento non spetta disciplinare le differenze culturali, bensì annullare le differenze sociali, e che la formula utilizzata riproduce quella adottata da altri comuni come Monfalcone. Tra gli obiettivi che il nido si propone nei confronti dei bambini c’è quello di “favorire la socializzazione e valorizzare le differenze”. Come obiettivi rivolti ai genitori il nido si propone di “favorire le occasioni per arricchire ed integrare uno spazio di reciproco aiuto e sostegno, stimolando la socializzazione tra le famiglie“.

 

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Milano, primo sì al pasto da casa in una scuola: i bambini con la “schiscetta” potranno mangiare insieme ai compagni

prev
Articolo Successivo

Educazione civica, insegnarla a scuola serve ancora. Vi spiego perché

next