Polemiche per le parole che Michele Emiliano ha pronunciato ad un evento pubblico a Taranto (nel video pubblicato da Taranto Buonasera). Parlando delle attività dello stabilimento siderurgico Arcelor Mittal, il presidente della Puglia ha infatti attaccato la stampa: “Vedrete – ha detto – che domani non troverete quasi nulla sui giornali, anche perché mi dicono che Mittal, come prima faceva Riva, ha una forte attività pubblicitaria su tutti i media. Poveri media, sono tutti sull’orlo della chiusura: se fanno arrabbiare uno dei pochi inserzionisti coi soldi, poi che succede, chiudono tutti?”.

Immediata la presa di posizione dell’ordine dei giornalisti pugliese: “Il presidente Emiliano – si legge nel comunicato – ha mancato un’altra buona occasione per tacere e magari occuparsi di altro di più concreto. Egli si può lamentare di tante cose, ma non che gli manchi spazio e considerazione su giornali, tv e siti web. Ma, ovviamente, non è questo il punto in discussione. Il punto è un altro ed è molto grave. Emiliano manca profondamente di rispetto quando insinua che le testate pugliesi si farebbero condizionare dalla pubblicità di Mittal. Insinua, insomma, una sorta di prostituzione intellettuale e professionale che piegherebbe le scelte delle redazioni alla pubblicità commissionata dalle grandi imprese. Un’espressione che è analoga a quella adoperata dall’ex deputato 5 Stelle Alessandro Di Battista, il quale ha assimilato i giornalisti a delle prostitute”.

“Pochi giorni fa, il presidente Emiliano è sceso in piazza per solidarizzare con i giornalisti contro gli epiteti pronunciati dai 5 Stelle. In quell’occasione disse ai cronisti che ‘voi siete compagni di lavoro nel controllo democratico di quello che accade’. Oggi – si evidenzia – si dimentica di quella frase e diventa egli stesso l’autore di frasi ingiuriose”. “Emiliano, dovrebbe ricordare, per di più, – si conclude – che una mozione approvata dal Consiglio regionale due settimane fa impegna lui, la sua giunta e i consiglieri pugliesi a censurare ‘le affermazioni denigratorie e ingiuriose’ a danno dei cronisti. Si attenga a quell’impegno ed eviti dichiarazioni prive di senso, ne guadagnerà in considerazione. Non difenda la libertà di stampa a giorni alterni e soprattutto si astenga, nelle prossime occasioni, di mostrare una solidarietà che oggi ha dimostrato di non provare”.

A distanza di qualche ora è arrivato il mezzo passo indietro del presidente pugliese: “Non si sta parlando abbastanza del dramma dei tarantini sui media. A livello nazionale se ne sta parlando pochissimo. E nel corso del convegno ho constatato che gli investimenti pubblicitari di Mittal sono ingenti. Quindi, lungi da me voler attaccare la libertà stampa perché sono sempre stato al fianco dei giornalisti per difenderla, il mio unico intento è richiamare l’attenzione di tutti i media sulla questione ambientale che è ancora drammaticamente aperta a Taranto ed è purtroppo caduta del silenzio generale”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Lite social tra Salvini e il rapper Gemitaiz: “Lui non sarà alla manifestazione di Piazza del popolo”. Ecco come gli risponde

prev
Articolo Successivo

Di Maio, Le Iene: “Lavoro nero nell’azienda del padre”. Il vicepremier: “Fatto grave. Mio papà ha sbagliato”

next