“Né io né mia moglie abbiamo trovato un nuovo posto. A febbraio ci finisce la Naspi, che cala di mese in mese. L’assegno di ricollocazione dell’Anpal? Il centro per l’impiego di Palestrina ci ha fatto fare un corso di 300 ore che non ci è servito a nulla”. Raffaele Carbotti, 54 anni, è uno dei 1.666 dipendenti licenziati dall’azienda dei call center Almaviva tra Natale e Capodanno del 2016. Ci lavorava da 16 anni, a tempo indeterminato. Tra poco saranno due anni dal fallimento della trattativa con i sindacati, che rifiutarono il taglio degli stipendi accettato invece dai delegati della sede napoletana. Si tratta della crisi industriale che l’allora presidente del Consiglio Matteo Renzi nel 2016 aveva dato per risolta: “Lo avevo detto che avremmo fatto di tutto per risolvere anche questa crisi” scrisse su facebook. “Salvi i posti di lavoro. Accordo siglato!” esultò la viceministra dello Sviluppo Teresa Bellanova. Al ricollocamento di tutti loro avrebbe dovuto provvedere appunto l’Anpal, la nuova agenzia per le politiche attive del lavoro tra i fiori all’occhiello del governo Renzi. Il loro reimpiego era stato prospettato come il modello da seguire in futuro. E invece il piano, messo in campo dal governo Gentiloni con la Regione Lazio e l’Agenzia nazionale per le politiche attive voluta da Renzi, è stato un mezzo flop. “Il numero di ricollocati – dice la segretaria Cgil di Roma e del Lazio Donatella Onofri – è bassissimo”.

Il 65% ancora senza lavoro. Solo 127 ricollocati altrove a tempo indeterminato – “Dei 1610 ex Almaviva che hanno aderito al progetto di ricollocamento, 1.049 lavoratori pari al 65% risultano attualmente disoccupati. Di questi, circa 240 hanno seguito un percorso formativo. Quelli attualmente occupati sono 526 (dato aggiornato al 15 novembre 2018, ndr): il 33% del bacino totale. A questi si aggiungono 35 lavoratori (pari al 2%) che hanno aderito a percorsi di auto-imprenditorialità”, dice al fattoquotidiano.it Marco Benadusi, portavoce dell’Anpal. Su 526 lavoratori occupati, però, solo la metà, 276, ha un contratto a tempo indeterminato, e 149 di loro sono stati reintegrati in Almaviva Contact Spa a seguito di un ricorso legale. Quindi sono 127 in tutto i lavoratori ricollocati altrove in maniera stabile. “250 sono occupati con contratti a tempo determinato: 188 con un rapporto di lavoro di una durata superiore a sei mesi, 62 inferiore a sei mesi. La maggior parte ha ritrovato occupazione nel settore dei servizi alle imprese e alle persone”, dice ancora Benadusi.

L’azienda sconfitta in tribunale – Una settimana fa Almaviva si è vista rigettare dalla giudice del tribunale di Roma Donatella Casari l’opposizione alla sentenza di reintegro di 153 addetti della sede della Capitale firmata un anno fa da Umberto Buonassisi: dovranno essere rimessi in servizio e non restituiranno il risarcimento fin qui riscosso (due anni di salario più i contributi). Nei mesi scorsi l’azienda aveva provato a spedirli nei suoi uffici di Catania: gli altri ancora operativi sono a Milano, Napoli, Rende (in Calabria), Palermo e Cagliari. Con diverse motivazioni giuridiche, la stessa giudice pochi mesi fa aveva però vanificato le speranze di reintegro di oltre 500 lavoratori, che avevano intentato un ricorso collettivo. Sono gli ultimi strascichi del licenziamento di massa di due Natali fa, definito l’anno successivo dal giudice Umberto Buonassisi “una vera e propria illegittima discriminazione perché “chi non accetta di vedersi abbattere la retribuzione (a parità di orario e di mansioni) e lo stesso Tfr è licenziato, e invece chi accetta viene salvato”.

“Taglio del 17% dello stipendio o licenziamento” – “Avremmo dovuto accettare un taglio del 17% dello stipendio, il blocco del Tfr, il controllo individuale della prestazione lavorativa”, ricorda parlando con ilfattoquotidiano.it Carbotti. “Il 90% degli addetti romani aveva un part-time a 4 ore, quindi avremmo dovuto a lavorare per 490 euro al mese…”. E due anni dopo, la situazione del grosso degli ex Almaviva-Roma è immutata con l’aggravante che entro il 2019 termineranno, per tutti, i benefici della Naspi (l’indennità di disoccupazione), già finita per centinaia di loro. “Né io né mia moglie, anche lei assunta nella sede romana, siamo stati reintegrati, e non abbiamo trovato un posto nuovo – continua Carbotti -. Questo con un figlio di sette anni da crescere. Avevamo il mutuo per la casa e abbiamo dovuto bloccarlo”.

L’assegno di ricollocazione: dote di 3mila euro a testa – Dal 26 maggio del 2017, i licenziati Almaviva hanno avuto in dote circa 3mila euro a testa di “assegno di ricollocazione”, spendibile in un centro per l’impiego o in un’agenzia privata per formarsi. I risultati complessivi lasciano però punti interrogativi. Puntualizza l’Anpal: “Prospettive future? Stiamo lavorando, con il ministero del Lavoro e la Regione Lazio, a un’ipotesi di prosieguo delle azioni che prevede di realizzare percorsi formativi di qualità, con il rilascio di una qualifica professionale, allineati, nel merito e nel metodo, con i nuovi fabbisogni di competenze, soprattutto digitali, espressi dal mercato del lavoro e in grado di incidere significativamente sull’occupabilità dei lavoratori. Mentre per far fronte al problema della fine della Naspi, stiamo ipotizzando di riconoscere ai lavoratori che partecipano ai percorsi formativi e che l’abbiano esaurita un’indennità di partecipazione. In questo momento è in corso la verifica delle coperture finanziarie”.

“Spero che il nuovo governo si faccia carico del nostro dramma adottando un nuovo strumento, che abbia magari caratteristiche simili a quell’indennità di mobilità soppressa nel 2017– conclude Carbotti -. Un ammortizzatore di almeno 18 mesi, da abbinare a un serio percorso formativo di ricollocamento. Parliamo di persone, come me, che hanno un’età per cui si è ormai fuori dal mondo del lavoro”.