Nel 2019 la Formula Uno ritroverà Robert Kubica. È quanto riporta il portale specializzato motorsport.com, aggiungendo che il trentatreenne polacco firmerà un contratto di una stagione con la Williams e gareggerà con il britannico George Russell. L’annuncio dovrebbe essere ufficializzato giovedì (ore 9.30 italiane) durante una conferenza stampa da Abu Dhabi, luogo dove si correrà l’ultimo Gran Premio di questa stagione. La notizia era nell’aria da tempo e arriva a un anno esatto dalla delusione di non essere stato scelto come prima guida della stessa Williams: nel 2018 Kubica ha vissuto una stagione da terzo pilota per la casa automobilistica inglese.

Sette anni e mezzo fa infatti Kubica fu costretto a interrompere una carriera di alto livello – e un contratto con la Ferrari per la stagione 2012 – a seguito dell’incidente avuto durante il Rally Ronde di Andora. L’impatto contro il guardrail provocò a Kubica gravi lesioni alla mano destra  e un’emorragia interna che misero in forte dubbio un suo ritorno alle competizioni. Dopo varie operazioni e mesi di riabilitazioni, Kubica tornò alle gare prendendo parte ad alcune tappe del campionato Rally, Senza mai perdere la speranza di un ritorno nella massima categoria automobilistica nel 2017 torna a sedersi su una Formula 1 effettuando alcuni test con Renault e Williams. Quest’anno poi l’allenamento ufficiale per il Gran Premio di Spagna, come sostituto per la Williams. Prima dell’incidente Kubica aveva ottenuto una vittoria (Canada 2008), 12 podi e un quarto posto nel 2008 come miglior piazzamento in classifica generale.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Formula 1, il folle Gp del Brasile

prev
Articolo Successivo

F1, gran premio di Abu Dhabi: Hamilton vince anche l’ultima gara, Vettel secondo. Brutto incidente per Nico Hulkenberg

next