“Questo è un disegno di legge di iniziativa parlamentare. E non è lei, presidente Conte, a stabilire come e quando verrà discusso. Semmai, il presidente della Camera insieme ai capigruppo”. Accalorato intervento, in Aula, dopo l’impasse sul ddl Anticorruzione, da parte del deputato dem Emanuele Fiano. Che a un certo punto, dopo un gesto del presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, si interrompe: “Si è rivolto a me?”, poi spiega: “Conte mi ha fatto il gesto come a dire ‘ci vediamo fuori’“. Il capo del governo, in tutta risposta, fa un altro gesto con la mano del tipo: “Ma cosa sta dicendo?”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Renzi: “Salvini e Di Maio due bluff, Tria e Moavero sono peggio. Nel Pd mi pugnala chi ha avuto grazie al nostro coraggio”

next
Articolo Successivo

Anticorruzione, Salvini in Aula con Di Maio e Conte. Pd: “Emendamento? M5s e Lega hanno affossato insieme la norma”

next