Ivan Illich (1926-2002) è stato uno dei pensatori più originali e meno ideologici del secondo Novecento e uno dei primi a formulare una critica radicale dell’esistente che oggi si rivela quanto mai attuale, soprattutto nel suo attacco frontale all’idea di sviluppo e progresso. Questo libro è l’unica biografia di Illich scritta da chi, come Franco La Cecla, lo ha conosciuto direttamente e intimamente essendone stato allievo e amico. Un rapporto difficile, certo, da discepolo disobbediente, che però ha dialogato e discusso per un ventennio con questo “profeta” scomodo e arrabbiato che gli ha insegnato quell’arte di vivere che la modernità ha ormai soffocato. Attraverso le vicende di una vita affatto banale, La Cecla propone una lettura essenziale del pensiero di Illich, per evidenziare l’estrema importanza del dubbio sistematico e per comprendere la ricchezza della sua critica a una società che istituzionalizzando ruoli e desideri, trasformati in bisogni e servizi, ha “debilitato” il singolo e disintegrato il tessuto amicale e reciproco in cui viveva e agiva.

“Il mio ritratto di Ivan non è certo esaustivo ed è maledettamente legato al rapporto personale che ho avuto con quest’uomo e all’influenza che ha esercitato e ancora esercita su di me. D’altronde non pretendo di essere un fedele lettore del suo pensiero né voglio essere identificato come un suo seguace. Anzi, ritengo una fortuna non essere ‘illichiano’, come peraltro non lo era nemmeno Ivan.”

Franco la Cecla, antropologo, scrittore, filmaker e viaggiatore, oggi insegna Antropologia culturale alla Naba di Milano, dopo aver insegnato a Berkeley, Parigi, Venezia e Bologna. Autore di molti saggi sulla contemporaneità, ha intrecciato la riflessione antropologica con temi quali lo spazio, l’architettura, l’urbanistica, il genere maschile, i media. Attualmente lavora sui sistemi alimentari in Africa orientale e sull’amicizia in altre culture. Con elèuthera ha inoltre pubblicato Saperci fare, L’Ape, antropologia su tre ruote, Modi bruschi, Non è cosa, Lasciarsi, Una morale per la vita di tutti i giorni con Piero Zanini, Mente locale, abbinato al documentario In altro mare, vincitore nel 2010 del Best Coastal Culture Film al San Francisco Ocean Film Festival, e Elogio dell’occidente.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Marina Abramovic, una sua mostra non si visita. Si vive

next
Articolo Successivo

Giorgio De Chirico, a 40 anni dalla morte la sua metafisica ci stupisce ancora

next