Nell’ambito del programma “Giovani PromesseGillette ha offerto insieme a PG Esports durante la Milan Games Week tre sessioni finalizzate alla formazione dei giovani appassionati di esports tramite l’analisi dei segreti di allenamenti e preparazione dei giocatori professionisti, operata direttamente da psicologi specializzati.

Tra loro Mauro Lucchetta, psicologo dello sport e degli esports, professionista esperto anche di realtà virtuale e videogiochi, che ha dato il suo contributo per le “Gillette Skills Challenges” che hanno avuto come protagonisti nomi di spicco del mondo dei proplayer, alle prese con simulazioni 3D, eyetrackers e molto altro. Da esperto, ha spiegato che atleti tradizionali e videogiocatori professionisti vanno trattati allo stesso identico modo: entrambi hanno le stesse necessità in quanto devono gestire una mole di informazioni simile sotto il profilo numerico in pochissimo tempo. Gestione dello stress, il tilt, l’approccio alla partita e lo studio dell’avversario sono tutti elementi in comune.

(video di Fabio Abati)

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Black Friday, i migliori elettrodomestici in offerta

prev
Articolo Successivo

Su YouTube film gratis ma con la pubblicità, vi piace l’idea?

next