Che film guardi stasera in TV? Presto la vostra risposta potrebbe essere: “Terminator su YouTube”. Il popolarissimo canale video di Google infatti ha iniziato a pubblicare film interi, con intervalli pubblicitari. Fonti statunitensi riferiscono che la novità non è stata annunciata ufficialmente, ma che gli spettatori possono già vedere integralmente (e legalmente) grandi classici di Hollywood come “Terminator” e “La rivincita delle bionde”.

Per ora possiamo interpretarlo come un test, con una lista che comprende solo un centinaio di film. Secondo i bene informati il numero si espanderà e la novità, che al momento riguarda solo gli Stati Uniti, potrebbe allargarsi al resto del mondo. I motivi sono almeno un paio. Primo fra tutti, il fatto che la diffusione delle smart TV (le TV intelligenti con connessione a Internet) sta spingendo sempre più spettatori a cercare contenuti da fruire anche gratuitamente su canali alternativi alla TV tradizionale. Insomma, va bene abbonarsi a piattaforme come Netflix, ma un’alternativa gratuita è gradita.

La seconda è che, per conseguenza, la rete pubblicitaria del sito potrebbe trarre beneficio dalla sponsorizzazione di questi contenuti. Anzi, la sponsorizzazione potrebbe persino riguardare in futuro proiezioni esclusive, come già accade per esempio su Netflix.

Per YouTube si tratta, quindi, di un’esigenza per stare al passo con la concorrenza. Oltreoceano ci sono già servizi di streaming che trasmettono film con spot pubblicitari, e secondo le fonti anche Amazon starebbe sviluppando un’app per il video-on-demand con pubblicità. Quello che adesso è un esperimento potrebbe essere quindi l’alba di un nuovo modello di business, spinto dalla tecnologia. Dalla parte del consumatore può essere un bene, perché incrementa il volume dei contenuti fruibili gratuitamente. Sperando che le pubblicità non siano realizzate “su misura”. Se questo servizio arrivasse in Italia gli dareste un’occhiata?

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

RIVOLUZIONE YOUTUBER

di Andrea Amato e Matteo Maffucci 14€ Acquista
Articolo Precedente

Esport, parla lo psicologo: “Le tecniche di preparazione mentale sono identiche a quelle dello sport”

next