Che film guardi stasera in TV? Presto la vostra risposta potrebbe essere: “Terminator su YouTube”. Il popolarissimo canale video di Google infatti ha iniziato a pubblicare film interi, con intervalli pubblicitari. Fonti statunitensi riferiscono che la novità non è stata annunciata ufficialmente, ma che gli spettatori possono già vedere integralmente (e legalmente) grandi classici di Hollywood come “Terminator” e “La rivincita delle bionde”.

Per ora possiamo interpretarlo come un test, con una lista che comprende solo un centinaio di film. Secondo i bene informati il numero si espanderà e la novità, che al momento riguarda solo gli Stati Uniti, potrebbe allargarsi al resto del mondo. I motivi sono almeno un paio. Primo fra tutti, il fatto che la diffusione delle smart TV (le TV intelligenti con connessione a Internet) sta spingendo sempre più spettatori a cercare contenuti da fruire anche gratuitamente su canali alternativi alla TV tradizionale. Insomma, va bene abbonarsi a piattaforme come Netflix, ma un’alternativa gratuita è gradita.

La seconda è che, per conseguenza, la rete pubblicitaria del sito potrebbe trarre beneficio dalla sponsorizzazione di questi contenuti. Anzi, la sponsorizzazione potrebbe persino riguardare in futuro proiezioni esclusive, come già accade per esempio su Netflix.

Per YouTube si tratta, quindi, di un’esigenza per stare al passo con la concorrenza. Oltreoceano ci sono già servizi di streaming che trasmettono film con spot pubblicitari, e secondo le fonti anche Amazon starebbe sviluppando un’app per il video-on-demand con pubblicità. Quello che adesso è un esperimento potrebbe essere quindi l’alba di un nuovo modello di business, spinto dalla tecnologia. Dalla parte del consumatore può essere un bene, perché incrementa il volume dei contenuti fruibili gratuitamente. Sperando che le pubblicità non siano realizzate “su misura”. Se questo servizio arrivasse in Italia gli dareste un’occhiata?

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Esport, parla lo psicologo: “Le tecniche di preparazione mentale sono identiche a quelle dello sport”

prev
Articolo Successivo

Meizu 16th è lo smartphone di fascia alta dal prezzo contenuto

next