Ormai da qualche anno il fruttosio viene presentato come una sana alternativa allo zucchero bianco, adatta anche per i diabetici. La bianca e fine polverina si trova facilmente in vendita nei negozi ed è spesso un ingrediente di bibite e dolci, proprio come lo sciroppo di glucosio-fruttosio che – derivato dall’amido di mais tramite una serie di processi – è molto usato dall’industria (benché irreperibile isolatamente in commercio). Ma la letteratura scientifica non crede a questa “sana alternativa”.

Il fruttosio è uno zucchero semplice, presente naturalmente nella frutta e in vari vegetali, nel miele, nello sciroppo di agave e nel saccarosio – il comune zucchero bianco, composto per metà di glucosio e per metà di fruttosio. Pur avendo le stesse calorie del glucosio, il fruttosio ha però un potere dolcificante superiore (e quindi può essere usato in minori quantità) e un indice glicemico inferiore. Inoltre non stressa il pancreas, inducendolo a produrre troppa insulina. Peccato che il comportamento del fruttosio nell’organismo è molto diverso da quello del glucosio: quest’ultimo può essere impiegato praticamente da qualsiasi cellula, il primo viene metabolizzato solo a livello epatico.

In caso di consumo elevato e continuato – cosa abbastanza facile quando si fa un uso consistente di bibite e dolciumi contenenti fruttosio o il diffusissimo sciroppo di glucosio-fruttosio – tale differenza ha conseguenze non trascurabili. Intendiamoci, non è che il glucosio faccia bene. Tra l’altro, anche questo fa ingrassare, ma distribuisce l’adipe in varie zone del corpo, mentre il fruttosio lo accumula dove è più pericoloso, cioè a livello viscerale, intorno alla pancia. Il disastro in ambito lipidico non si ferma qui: questo dolcificante favorisce la sintesi dei pericolosi trigliceridi, accrescendo il rischio di malattie cardiovascolari. Inoltre facilita l’accumulo di grassi a livello epatico, causando il cosiddetto fegato grasso (steatosi epatica), che con il tempo può degenerare e sfociare in cirrosi.

Le alterazioni metaboliche indotte dal fruttosio possono condurre anche a sovrappeso e obesità, insulino-resistenza e quindi maggiore rischio di diabete 2, ipertensione con possibile predisposizione all’ictus, produzione di Age (advanced glycation end-products, cioè prodotti di glicazione avanzata), composti chimici che favoriscono l’invecchiamento precoce e aprono la strada a varie patologie. C’è poi il sospetto che il fruttosio non dia il senso di sazietà, cosa evidentemente indesiderata.

La morale? Se il glucosio non è un dolcificante sano, tanto meno lo è il fruttosio, e anche l’American Diabetes Association mette in guardia dal suo consumo. Un suo ridotto e occasionale utilizzo non è nocivo, soprattutto se già non si hanno alterazioni metaboliche indotte dal sovrappeso e se viene utilizzata la sua fonte naturale, cioè la frutta, che insieme a questo zucchero ha pure fibre, vitamine, antiossidanti e minerali – tutti micronutrienti preziosi. Insomma, poco ma buono.

Maggiore attenzione va posta a quei cibi o bevande che contengono sciroppo di glucosio-fruttosio, un prodotto ben poco naturale e molto elaborato, ma apprezzatissimo dall’industria alimentare per la versatilità e l’economicità. Secondo alcuni studi, la diffusione di questo sciroppo avrebbe favorito l’epidemia di diabete 2 e di obesità che tutti abbiamo sotto gli occhi. Inoltre la sua composizione porterebbe a una maggiore produzione di Age, i composti pro-invecchiamento di cui abbiamo parlato sopra. E poi, leggendo l’etichetta si può scoprire che insieme allo sciroppo di glucosio-fruttosio ci sono altri dolcificanti, con il rischio di farsi una poco opportuna overdose di zuccheri.

Vita&Salute – mensile di benessere olistico (direzione scientifica Franco Berrino)

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Il supervulcano dei Campi Flegrei “è entrato in un nuovo ciclo di attività”

prev
Articolo Successivo

Tumori, il portale contro le bufale: in sei mesi oltre 50mila richieste di consigli

next