Gianni Agnelli aveva una passione smodata per la Panda. Si dice che ne avesse possedute ben 11, e che gli piacesse molto trovarne una in versione 4×4 Trekking (la fuoristrada per antonomasia) ad attenderlo quando scendeva dall’elicottero a St. Moritz. Ebbene, poteva il nipote rimanere immune da un tale “amore” vintage? Domanda retorica. Infatti è stata proprio la Garage Italia di Lapo Elkann a restaurare una delle vetture appartenute al nonno e a personalizzarla per conto del nuovo proprietario, un giovane torinese. E se fuori la carrozzeria è rimasta fedele ai gusti dell’Avvocato, di colore grigio chiaro con striscia orizzontale blu e nera, (con anche il badge dell’austriaca Steyr Puch che realizzava il sistema di trazione integrale), i ritocchi principali hanno riguardato gli interni. A cominciare dai rivestimenti, sostituiti da materiali pregiati forniti dall’azienda biellese Vitale Barberis Canonico, come pure la tela, in luogo della quale ora c’è una stoffa blu a quadri. Immutati meccanica e motore, quest’ultimo un 1.1 Fire benzina da 54 cavalli abbinato a un cambio manuale a 5 marce.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Ares Design Project Wami, a Modena torna la Maserati che non c’era

prev
Articolo Successivo

Toyota campione del mondo rally dopo 18 anni

next