Gianni Agnelli aveva una passione smodata per la Panda. Si dice che ne avesse possedute ben 11, e che gli piacesse molto trovarne una in versione 4×4 Trekking (la fuoristrada per antonomasia) ad attenderlo quando scendeva dall’elicottero a St. Moritz. Ebbene, poteva il nipote rimanere immune da un tale “amore” vintage? Domanda retorica. Infatti è stata proprio la Garage Italia di Lapo Elkann a restaurare una delle vetture appartenute al nonno e a personalizzarla per conto del nuovo proprietario, un giovane torinese. E se fuori la carrozzeria è rimasta fedele ai gusti dell’Avvocato, di colore grigio chiaro con striscia orizzontale blu e nera, (con anche il badge dell’austriaca Steyr Puch che realizzava il sistema di trazione integrale), i ritocchi principali hanno riguardato gli interni. A cominciare dai rivestimenti, sostituiti da materiali pregiati forniti dall’azienda biellese Vitale Barberis Canonico, come pure la tela, in luogo della quale ora c’è una stoffa blu a quadri. Immutati meccanica e motore, quest’ultimo un 1.1 Fire benzina da 54 cavalli abbinato a un cambio manuale a 5 marce.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Ares Design Project Wami, a Modena torna la Maserati che non c’era

next
Articolo Successivo

Toyota campione del mondo rally dopo 18 anni

next