La “sterilizzazione” della riforma delle banche di credito cooperativo (Bcc) varata nel 2016 dal governo Renzi rischia di creare più problemi che opportunità a un segmento creditizio che di guai negli ultimi anni ne ha passati più d’uno tra liquidazioni coatte amministrative e commissariamenti. Con in testa il mito fuorviante del “piccolo è bello” e delle banche del territorio “vicine a famiglie e imprese” l’esecutivo – dopo aver prorogato di sei mesi l’entrata in vigore della riforma – si prepara a dichiarare il “liberi tutti”, cioè permettere alle Bcc che lo desiderano di continuare a ballare da sole, anziché aggregarsi a uno dei due (tre considerando l’Alto Adige e il gruppo Raiffeisen) grandi poli cooperativi identificati da Iccrea e Cassa centrale banca.

Lo scopo della riforma del 2016 non era certo quello di togliere autonomia agli istituti di credito o attaccare gli scopi mutualistici, ma di assicurarsi che il variegato mondo del credito cooperativo potesse aumentare la propria efficienza e contare su back stop efficaci in caso di crisi. Il problema delle Bcc, così come di tante Casse rurali e artigiane e di molte banche popolari sono infatti le esigue dimensioni, la bassa patrimonializzazione, il peso dei crediti deteriorati, l’inesistenza di economie di scala e le difficoltà ad attirare capitali sufficienti per effettuare gli investimenti necessari per stare al passo con l’economia digitale e gli impegni regolamentari. La stessa introduzione della nuova direttiva Mifid2 – che tra l’altro aumenta il grado di trasparenza e le tutele a favore dei risparmiatori – non è a costo zero. Un altro ordine di problemi riguarda poi la governance degli istituti cooperativi, i legami impropri con la politica e una certa imprenditoria legata alle consorterie locali, gli scandali, le malversazioni, l’inefficacia di controlli ad opera di amministratori che molto spesso non hanno una preparazione adeguata e non sono indipendenti.

Il quadro non è consolante: secondo i dati Mediobanca, nel 2017 circa un quinto delle banche italiane (114 su 500) si ritrovava ad avere più crediti deteriorati che patrimonio e tra queste la stragrande maggioranza erano proprio Casse e Banche di credito cooperativo.

Certo, la riforma del 2016 avrebbe potuto essere scritta meglio (sulla costituzionalità di alcune norme è stato sollevato più di un dubbio), ma “sterilizzarla” anziché provare a migliorarla non pare la scelta migliore, tanto più che molte Bcc hanno già avviato il processo di trasformazione previsto dalla riforma e difficilmente torneranno indietro perché hanno già effettuato delle delibere e sostenuto dei costi. Le stesse tre grandi realtà del credito cooperativo avevano chiesto al governo di non mettere in discussione i pilastri della riforma già avviata. Dunque? Se gli emendamenti presentati dalla Lega (e sostenuti dal governo) non verranno modificati si produrrà una geografia del credito cooperativo a macchia di leopardo, con tre gruppi che dimensionalmente resteranno dei “nani” dato che solo una parte delle Bcc vi confluirà, e con tante realtà sparse sul territorio che continueranno a essere gestite come prima, con tutto il carico di problemi irrisolti che questo comporta.

Se a ciò si aggiunge che il governo sembra intenzionato anche a mettere mano sulla governance delle holding del credito cooperativo, a metterne in dubbio lo status di società per azioni (per evitare “scalate”, come se ci fosse la fila di investitori italiani e internazionali pronti a fare man bassa del “ricco” comparto del credito cooperativo) e a introdurre in deroga a tutti i regolamenti internazionali (a partire da Basilea) e nazionali uno “scudo” in grado di proteggere dallo spread le “piccole, belle e buone” Bcc, cresce la preoccupazione sul grado di improvvisazione con il quale si intendono affrontare problemi seri che riguardano l’economia e i risparmi di molti italiani. Stando a quanto riferito dal ministro dei Rapporti con il Parlamento, Riccardo Fraccaro, l’esecutivo intenderebbe affrontare la materia di concerto con le opposizioni: c’è da augurarsi che sia davvero così e che, alla fine, venga trovata una soluzione condivisa che permetta di fare qualche passo in avanti e non dieci passi indietro sulla riforma, anche perché – data la situazione finanziaria del Paese – il rischio che nei prossimi mesi riparta la giostra di commissariamenti e liquidazioni si fa sempre più concreto.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Banche, perché il salvataggio di Carige non rasserena il clima e solleva nuovi dubbi sulla solidità del sistema

prev
Articolo Successivo

Banda ultralarga, Gubitosi nuovo ad di Tim mentre il governo scende in campo per la rete unica con Open fiber

next