“L’indifferenza di Matteo Salvini? Non voglio commentare, chi ha a cuore la nostra battaglia di civiltà è con noi e non ci abbandonerà. Io credo nella parte pulita, buona, onesta delle istituzioni“. Così Ilaria Cucchi, sorella di Stefano Cucchi, dopo la proiezione del film Sulla mia pelle del regista Alessio Cremonini alla Camera dei deputati. Un’iniziativa promossa dal presidente della Camera, Roberto Fico, ma snobbata dal ministro dell’Interno. “Non ho tempo per il cinema”, aveva tagliato corto Salvini. Ma la sorella di Stefano Cucchi ha replicato: “Non m’interessa. Sono stati anni complicati, ma ne è valsa la pena perché oggi lo Stato è con noi. Ma mi viene in mente chi ha sperato e spera ancora che questa storia si chiuda e di Stefano non se ne parli più. Ma se ne continuerà a parlare”.
Anche Fico ha allontanato gli scontri con Salvini: “Non mi interessa fare polemica. Voglio solo dire che uno Stato diventa ogni giorno più Stato se cerca tutte le verità. E la verità non fa mai male allo Stato, né alle forze dell’ordine, anche quando può essere scomoda e dolorosa”.
Sulla scarsa presenza di parlamentari in sala. Fico ha invece replicato spiegando come fosse in corso nello stesso orario anche la seduta della Camera: “Devo dirvi che alle 18 e alle 21 c’erano votazioni. Se riuscivamo a farlo in un altro giorno sarebbe stata piena”.
close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Manovra, Salvini: “Se l’Ue mette sanzioni ha capito male, noi non usciamo dall’euro. Le stime del Fmi? Sono bufale”

prev
Articolo Successivo

Dl Genova, Di Maio: “Governo battuto? Gravissimo che un senatore M5s si sia astenuto e uno abbia votato con Forza Italia”

next