Il 28 ottobre aveva partecipato alla rievocazione della marcia su Roma a Predappio con una maglietta tutta nera e la scritta “Auschwitzland” con la stessa grafica della Disney. Selene Ticchi D’Urso, attivista di Forza Nuova poi sospesa dal partito di Roberto Fiore, è indagata dalla Procura di Forlì, che ha aperto un fascicolo a suo carico. La conferma è arrivata dal procuratore Maria Teresa Cameli, senza entrare nel merito dell’indagine e del reato contestato.

La maglietta di Ticchi D’Urso, che alle amministrative di Budrio (Bologna) si era presentata con la sua lista di estrema destra Aurora Italiana, è finita al centro delle cronache e anche il Museo di Auschwitz, in Polonia, ha deciso di denunciarla. Stessa scelta fatta dai partigiani dell’Anpi, che hanno presentato una denuncia-querela nei confronti dei partecipanti della manifestazione e dell’attivista di Budrio. Per lei, però, quella scritta era solo “humor nero”.

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Strage di Viareggio, i legali degli imputati: “Annullare sentenza di primo grado. Fu giustizia di vicinato: giudici viareggini”

next
Articolo Successivo

Desirée Mariottini, convalidato il fermo del pusher italiano ma cade l’aggravante della cessione a minore

next