Il 28 ottobre aveva partecipato alla rievocazione della marcia su Roma a Predappio con una maglietta tutta nera e la scritta “Auschwitzland” con la stessa grafica della Disney. Selene Ticchi D’Urso, attivista di Forza Nuova poi sospesa dal partito di Roberto Fiore, è indagata dalla Procura di Forlì, che ha aperto un fascicolo a suo carico. La conferma è arrivata dal procuratore Maria Teresa Cameli, senza entrare nel merito dell’indagine e del reato contestato.

La maglietta di Ticchi D’Urso, che alle amministrative di Budrio (Bologna) si era presentata con la sua lista di estrema destra Aurora Italiana, è finita al centro delle cronache e anche il Museo di Auschwitz, in Polonia, ha deciso di denunciarla. Stessa scelta fatta dai partigiani dell’Anpi, che hanno presentato una denuncia-querela nei confronti dei partecipanti della manifestazione e dell’attivista di Budrio. Per lei, però, quella scritta era solo “humor nero”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Strage di Viareggio, i legali degli imputati: “Annullare sentenza di primo grado. Fu giustizia di vicinato: giudici viareggini”

next
Articolo Successivo

Desirée Mariottini, convalidato il fermo del pusher italiano ma cade l’aggravante della cessione a minore

next