Forza Italia boccia l’emendamento di Forza Italia. E così gli azzurri che avevano fatto inciampare il governo in commissione in collaborazione con i due dissidenti M5s Gregorio De Falco e Paola Nugnes al Senato spingono il condono edilizio per Ischia, contenuto nel decreto Genova. In Aula, infatti, la stessa proposta di modifica che martedì era stata approvata è stata respinta dall’assemblea con 200 no, 75 sì e un astenuto. Se si calcola che la fiducia al governo Conte è di circa 171 voti e che non ha partecipato almeno una dozzina di parlamentari di M5s e Lega, sono diverse decine i voti ottenuti dalle opposizioni per riuscire a bocciare la modifica. Pd, Liberi e Uguali e Fratelli d’Italia si sono schierati per tutta la discussione, con numerosi interventi, contro la sanatoria per l’isola. Forza Italia, invece, a sorpresa, con un intervento della capogruppo Anna Maria Bernini ha lasciato libertà di voto ai propri senatori. Un modo per far rientrare la protesta montata per tutto il giorno dentro l’ala campana del partito, con tanto di autosospensioni. E così è quasi certo che dei 61 parlamentari azzurri a Palazzo Madama, molti abbiano votato a favore del condono e quindi insieme alla maggioranza M5s-Lega a favore di quell’articolo che mantiene il riferimento e l’applicazione della legge sul condono del 1985 – approvato dal governo Craxi – per le istanze pendenti sugli immobili danneggiati dal terremoto che colpì Ischia nell’estate del 2017. Il Senato riprenderà i lavori giovedì dalle 9,30 e il voto finale del provvedimento, previsto per la tarda mattinata.

Resta poi, su tutto, il tema politico. De Falco ha votato come in commissione e d’altra parte l’aveva anche anticipato: no al condono, sì all’emendamento (d’altra parte uguale al suo) e anche un applauso all’ultimo intervento prima della votazione dell’emendamento, pronunciato dalla capogruppo di Liberi e Uguali Loredana De Petris che invocava i Cinquestelle a ripensarci. Un’altra dissidente “conclamata”, Paola Nugnes, non ha partecipato al voto. Entrambi, come noto, rischiano un procedimento da parte dei probiviri dei Cinquestelle. Ma anche altri senatori grillini non hanno partecipato al voto sull’emendamento incriminato. Una è molto critica da mesi sulla linea del governo, Elena Fattori (che oggi ha parlato di “terrorismo psicologico” all’interno del gruppo parlamentare), ma gli altri sono sempre stati finora più che leali: Vittoria Bogo Deledda, Manlio Ciampolillo, Mario Michele Giarrusso, Mario Turco e Sergio Vaccaro. Il fatto che non abbiano partecipato al voto non significa che l’abbiano fatto in dissenso aperto, ma può dare l’impressione di un allargamento del fronte dei cosiddetti “ortodossi”.

Quello che si è rivelato anomalo, di sicuro, è stato proprio il voto di Forza Italia: la capogruppo Anna Maria Bernini ha infatti annunciato in Aula libertà di voto sull’emendamento presentato dagli stessi azzurri e che aveva fatto inciampare il governo in commissione. La decisione della Bernini, evidentemente, è stata anche una risposta alla protesta che è montata per tutta la giornata all’interno del partito non avvezzo alle battaglie legalitarie: sei senatori della Campania infatti si sono autosospesi dopo l’emendamento presentato in commissione ieri sera per abolire il condono. Va anche detto che questo atteggiamento ha rivelato la natura del tutto tattica di battaglia parlamentare dell’emendamento di Forza Italia. Al termine del voto al Senato, i sei parlamentari hanno ritirato l’autosospensione. Resta il dubbio su come sarebbe finita se tutti i 61 senatori berlusconiani avessero votato compatti a favore dell’emendamento e quindi contro il condono.

In realtà rimane un giallo – sotto il profilo procedurale – anche la decisione di votare in commissione la sera del 13 novembre la norma sul condono di Ischia. Subito prima della proposta di modifica firmata dalla forzista Urania Papatheu (la 25.12) infatti, era stato messo ai voti l’emendamento (il 25.10) di Gregorio De Falco che prevedeva esattamente la stessa cosa, ma che era stato bocciato. Quindi, quello della Papatheu non si sarebbe dovuto neanche mettere ai voti in quanto si sarebbe dovuto considerare precluso. E invece è stato comunque fatto votare. L’incidente – superato dal voto correttivo dell’Aula – si può riscontrare con facilità guardando la web tv della seduta di ieri: non è stato ancora messo nero su bianco visto che i resoconti della seduta da ieri sera non sono ancora stati pubblicati sul sito.

Di quel ko in commissione si sono pagati gli effetti per tutto il giorno. E ai berlusconiani che hanno deciso di cambiare idea sullo stop, ha risposto Andrea Ferrazzi, senatore del Pd e tra i relatori di minoranza: “E’ sconcertante la posizione di Forza Italia, siccome una parte del partito ha fatto l’apologia del condono. Di fatto siamo abbandonati nel voto rispetto a ieri sera, ma questo non modifica le nostre decisioni”.

Per il governo, durante la discussione sugli emendamenti delle opposizioni, era intervenuto il sottosegretario alla presidenza del Consiglio Vito Crimi che ha assicurato che “non è un condono“, che i numeri delle abitazioni per le quali è stato chiesto il condono rispetto alle normative del 1985 sono poche e ha fatto l’esempio con alcune statistiche del Comune di Lacco Ameno che peraltro è quello più piccolo dell’isola di Ischia. “Alla fine – ha detto Crimi – avremo mille case sicure, antisismiche: questo dovremmo dire ai cittadini”.

In risposta è intervenuto tra gli altri il senatore di Liberi e Uguali Vasco Errani che ha risposto a Crimi spiegando che “non è un problema di numeri, ma di principio”. Salvatore Margiotta, per il Pd, ha ricordato invece che a Ischia per l’unica palazzina crollata per il sisma del 2017 era stato chiesto il condono perché era stato costruito un piano in più. Contrari al condono si sono espressi anche i Fratelli d’Italia. “Volete il condono? Allora ditelo – ha detto nel suo intervento Daniela Santanchè – Ci avete fatto una capa tanta dicendo che tutto si risolveva con la galera e l’onestà. Si può cambiare idea, è umano. Quello che non si può fare è prendere in giro noi e gli italiani. Pensate che con il condono si guadagni consenso elettorale? Allora ditelo. Siete i giacobini dell’ottava Repubblica, ma ora votate il condono. Così alla prima occasione concreta fate l’opposto di quello che dite in piazza”.