I carabinieri del Noe (Nucleo operativo ecologico) di Milano, con quelli della stazione di Cinisello Balsamo (Milano), hanno sequestrato un capannone di un’azienda dismessa al cui interno erano depositate illecitamente circa 60 tonnellate di rifiuti, in particolare materie plastiche, che potenzialmente avrebbero potuto essere date alle fiamme anche per cancellarne le tracce. Il quantitativo e la tipologia di rifiuti fanno ipotizzare la realizzazione di una discarica abusiva e un’illecita attivita’ di gestione, raccolta e smaltimento di rifiuti speciali

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Ponte Morandi, Bucci: “Inizio demolizione entro Natale. La nuova struttura sarà pronta al massimo in 15 mesi”

next
Articolo Successivo

Roma, urla “buffone” a Salvini: 59enne portata in commissariato e denunciata

next