Almeno 11 persone sono morte in Giordania, per le inondazioni improvvise dovute alle forti piogge che hanno colpito l’antica città desertica di Petra. Il governo di Amman ha reso noto di aver provveduto all’evacuazione di circa 4mila persone – tra cui molti turisti – che erano rimaste bloccate dalle inondazioni. La polizia sta tra gli altri continuando a cercare le due sorelline che hanno perso padre e sorella nell’alluvione, e che risultano disperse a Madaba (30 km a sudovest di Amman). La loro auto era stata travolta dalle acque. Sui social network, intanto, circolano molti filmati dell’inondazione a Petra, il celebre sito archeologico. Fenomeni simili, dicono gli esperti, non si vedevano da decenni in Giordania. Ma alcune settimane fa, un pullman carico di studenti era stato travolto dalle forti piogge nella zona di Zara Maeen, vicino al Mar Mort. Ventuno persone erano morte nell’incidente

Il Fatto Internazionale - Le notizie internazionali dalle principali capitali e il dossier di Mediapart

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Attentato Melbourne, la vittima è il ristoratore italiano Sisto Malaspina. Russel Crowe su Twitter: “Come uno zio”

next
Articolo Successivo

Robot al posto dei giornalisti. È questa la soluzione per una stampa imparziale?

next