Sit-in a Montecitorio del Comitato Venditori 18135, il gruppo composto dalle le famiglie che hanno venduto casa costruite in edilizia agevolata e che, per un cortocircuito burocratico, ora si trovano a dover far fronte a cause di risarcimento da parte degli acquirenti da centinaia di migliaia di euro. Decine di persone hanno deciso di scendere in piazza per accendere un faro sulla loro situazione. Alcuni hanno raccontato la loro storia. “Tanti anni fa abbiamo comprato case in edilizia agevolata – spiega Alessandro Contucci – dopo 5 anni, in accordo con il Comune, queste case potevano essere rivendute a prezzo di mercato”. Ma nel 2015 una sentenza della Cassazione ribalta tutto. “Ha dichiarato che tutto quello che era stato fatto non era regolare. Così ci sono stati richiesti centinaia di migliaia di euro”

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Migranti, il Baobab verso lo sgombero. Il Campidoglio offre 150 posti. ‘Ma gli ospiti sono 200’

next
Articolo Successivo

Stefano Cucchi, carabinieri alla proiezione del film: “Dateci la lista dei partecipanti”. Colonnello: “Lì per questioni di sicurezza”

next