“È stato un gesto di normalità, una reazione per me istintiva. Quello che mi ha infastidito è stato vedere questa persona offesa e silenziosa che subiva l’aggressività di un’altra persona. Non ha detto una parola e subiva. Un extracomunitario magari non può reagire e quindi sono intervenuta in suo aiuto. Ho avuto manifestazioni di affetto da persone conosciute e sconosciute. All’aggressore direi di diventare un italiano come tutti quanti noi. Penso che gli altri viaggiatori sarebbero intervenuti se la cosa fosse degenerata. Non c’è stato alcun intervento perché sono stata perfettamente capace di gestire la situazione e non ho avuto alcuna difficoltà”. Così Maria Rosaria Coppola, la signora diventata famosa per aver difeso un immigrato su un treno della circumvesuviana e che in mattinata a ricevuto dall’Eav il premio “cittadina coraggiosa”

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Caso Orlandi, ossa in Nunziatura: nuova ispezione, trovati altri resti

prev
Articolo Successivo

Sfruttava pass per disabili per trasportare droga: dipendente pubblico arrestato

next