Un aereo ultraleggero si è schiantato al suolo nei pressi dell’avio superficie di Caorle, in provincia di Venezia. Nell’incidente sono morte due persone. Entrambi erano piloti esperti, uno originario della provincia di Venezia, l’altro triestino. Al momento dell’incidente il tempo era buono: bisognerà attendere le perizie tecniche per stabilire la dinamica di quanto accaduto. Secondo una prima ipotesi a causare l’incidente potrebbe essere stata un’avaria al motore. Intanto l’Agenzia nazionale per la sicurezza del volo ha aperto un’inchiesta sull’accaduto e ha inviato sul posto un proprio ispettore.

Il velivolo, di un modello utilizzato anche in ambito militare per l’addestramento, era decollato dalla stessa pista di Caorle ed era in fase di rientro. Sul posto sono subito intervenuti i vigili del fuoco, con l’elicottero Drago 81 e due squadre, e un equipaggio sanitario, ma i due piloti erano già deceduti, morti sul colpo.

Secondo una prima ricostruzione, come riporta il Corriere della sera, il piccolo aereo sarebbe precipitato da un’altezza di circa 50 metri. Ecco perché è rimasto quasi integro, seppur visibilmente danneggiato. A lanciare l’allarme un automobilista che transitava nella zona.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Chieti, lettera con proiettile e minacce in prefettura. Nel mirino anche il senatore D’Alfonso, ex presidente della Regione

prev
Articolo Successivo

Stefano Cucchi, la sorella Ilaria: “Minacce sui social, spesso sembrano provenire da profili di poliziotti o carabinieri”

next