L’influente studioso religioso ed ex senatore Maulana Samiul Haq – anche conosciuto come ‘padre dei talebani’ – è stato pugnalato a morte in un agguato compiuto nella sua casa a Rawalpindi. Lo ha comunicato ai media pachistani il figlio Maulana Hamidul Haq. “Il suo autista Haqqani era uscito e al suo ritorno ha visto che Maulana Sami giaceva nel suo letto in una pozza di sangue, senza vita”, ha detto Hamid.

Haq è stato il fondatore del famoso seminario di Haqqania, dove dozzine di leader afghani hanno ricevuto la loro istruzione. La polizia dice di aver trasportato il corpo di Haq in ospedale e gli agenti stanno ancora indagando. La notizia della morte di Haq arriva in un momento delicato, con i partiti religiosi scesi in piazza per protestare per l’assoluzione da parte della Corte Suprema di Asia Bibi, la donna cristiana, accusata di blasfemia. Da più fonti è riportato che anche il leader Mullah Omar si sia formato al seminario di Haqqania e sia stato uno studente di Maulana Samiul Haq. Alcuni analisti ritengono che l’assassinio dello studioso possa portare a dei disordini nel Khyber Pakhtunkhwa, dove Haq – leader politico del partito Jamait Ulema Islam Sami – è stato eletto due volte senatore.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Iran, Trump annuncia il ripristino di tutte le sanzioni Usa. Teheran: ‘Nessun timore’. Ue “non potrà più importare petrolio”

prev
Articolo Successivo

Elezioni midterm Usa 2018, repubblicani più a destra e democratici più a sinistra: l’effetto Trump è la polarizzazione

next