“A fine luglio abbiamo già fatto al restituzione degli stipendi, ora ci sono quattro mesi, continueremo a tagliarci gli stipendi”. Lo dice il vice premier Luigi Di Maio in diretta Facebook annunciando “a novembre il secondo restitution day“. Poi “proporremo il taglio degli stipendi di tutti i deputati e poi lo faremo anche al Senato. A luglio le restituzioni noi le abbiamo già fatte. Da luglio a novembre ci sono altri 4 mesi in cui abbiamo accumulato e ora restituiremo. Noi ci tagliamo gli stipendi dal primo giorno, lo abbiamo sempre fatto”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Di Maio: “Reddito di cittadinanza e quota 100? Faremo decreto a Natale, non un ddl perché ci vorrebbe troppo tempo”

prev
Articolo Successivo

Gasparri: “M5s? Una piaga d’Egitto. Di Maio, Toninelli, Bonafede, Fraccaro facciano figli e vadano a zappare”

next