Cosa ha fatto l’Italia per meritare che il primo canale della maggiore azienda culturale del paese passasse un telefilm su una delle famiglie e delle città e dei periodi più importanti della storia confezionato con un misto di sciatteria e travisamento da farlo paragonare a Beautiful? Ma un ragazzo di 16 anni che guarda quella serie cosa dovrebbe imparare? Era proprio necessario farlo così? E la funzione pedagogica della Tv che fine ha fatto?

Mi faccio queste domande mentre guardo la seconda serie de I Medici, produzione anglo-italiana in onda in questo periodo su Rai 1. Avevo visto la prima e avevo già fatto queste riflessioni. Il mondo intellettuale allora era intervenuto con sparute quanto autorevoli voci: Franco Cardini, insigne storico (fiorentino) aveva scritto su Repubblica che “la storia, quella vera, dov’è? Semplicemente, non c’è”, mentre Philippe Daverio aveva parlato di “un crimine contro i beni culturali” del nostro paese, una paccottiglia indigesta. Tra i due, però, Cardini aveva messo in luce – forse ottimisticamente – un aspetto: se questa è la storia che passa in tv, magari a qualcuno (i cultori seri) verrà in mente di andarsi a studiare la storia vera. Può essere, ma mi pare che il prodotto vada valutato in sé e per sé, non per l’eterogenesi dei fini. E se si prende la prima serie così come la seconda, in effetti è difficile allontanare l’idea che si tratti di un insulto bello e buono alla nostra cultura e alla cultura mondiale.

Giovanni di Bicci che muore avvelenato mentre in realtà era morto serenamente nel proprio letto; Cosimo il Vecchio che porta la barba; la facciata di Santa Maria del Fiore uguale a quella attuale, quando è noto che all’epoca di Lorenzo il Magnifico essa aveva la configurazione ‘medievale’ che le era stata data da Arnolfo di Cambio, poi demolita – si può trovare presso il Museo dell’Opera del Duomo, con la splendida (e medievale appunto) Madonna con gli occhi vitrei – e rifatta solo nell’Ottocento; il Palazzo Medici-Riccardi che è in realtà Palazzo Piccolomini a Pienza, e molte altre location o ricostruite in modo bislacco oppure scelte tra città ‘simili’ che simili non sono affatto; la rivalità tra Pazzi e Medici legata a chissà quale ragione quando è noto che essa sorse non solo perché i Medici esercitavano sulla città una signoria di fatto, ma in particolare per uno sgambetto proprio di Lorenzo (che fece passare una ‘legge’ per evitare che i beni della ricchissima moglie di Giovanni de’ Pazzi, alla morte del di lei padre Giovanni Borromei, passassero nella disponibilità di quell’unica figlia e dunque dei Pazzi stessi). Aspetti esteriori? Non direi.

Si potrebbe continuare: Lorenzo il Magnifico rappresentato come un mite (se pure ambizioso) mecenate che protegge Sandro Botticelli, quando fu suo cugino Lorenzo di Pierfrancesco a impegnare le proprie sostanze per l’artista; Lorenzo descritto come sì l’ago della bilancia, ma una sorta di pacifista, quando invece la sua politica non fu tenera né evitò la repressione e la violenza.

Luca Bernabei, produttore per la Lux Vide, ha scritto che un telefilm non è un documentario, in sostanza così ritenendo di scrollarsi di dosso le accuse. Tuttavia mandare in prima serata una serie così infarcita di errori o di falsificazioni (a fini narrativi, s’intende) è grave poiché la televisione ha – lo si voglia o no, beninteso – una funzione pedagogica. Significa, si badi bene, che comunque la Tv, che si mandi in onda un documentario o un polpettone, ‘insegnerà’ qualcosa agli spettatori. Anche se non vuole (ché molti dicono: “ma la funzione pedagogica è morta da mo!”) Allora perché non scegliere di rappresentare correttamente una così importante pagina della storia di questo paese?

E dire che la storia vera non era certo avara di colpi di scena, violenza, misteri, e perfino sesso. Tutto ciò che decreta oggi il successo di queste serie Tv. Perché una serie sui Medici non è una ‘banale’ serie Tv di puro intrattenimento. È un’operazione culturale, o almeno come tale andrebbe percepita. Mi chiedo: gli inglesi avrebbero acconsentito a mandare sulla Bbc un telefilm in cui si fosse detto che Maria Stuarda è morta di raffreddore, o che Carlo I è stato investito da una carrozza?

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Grande Fratello Vip, qualcosa che in tv funziona sempre? Le corna. Ecco chi sono stavolta i protagonisti (dopo Moser-Monte-Rodriguez)

prev
Articolo Successivo

Striscia la Notizia continua a perdere la gara degli ascolti con I Soliti Ignoti: cosa succede al tg satirico? La replica di Antonio Ricci

next