Il senatore leghista Simone Pillon è stato contestato a Massa durante un incontro, organizzato da “Generazione famiglia” e “Famiglia, scuola, educazione”, sul disegno di legge che porta il suo nome come primo firmatario.
Un gruppo di circa 70 cittadini ha accolto l’esponente del Carroccio con striscioni e interventi di critica al ddl 735, riempiendo di fatto “una sala altrimenti deserta”, come fanno sapere dai comitati. “Pillon: decido io, la mia strada la scelgo io”, si leggeva su uno degli striscioni, e ancora “La famiglia naturale non esiste”.
Il gruppo, secondo quanto si apprende, ha contestato a Pillon l’obbligo della mediazione anche nei casi di violenza, il concetto di alienazione parentale, il mantenimento diretto e altri punti critici del ddl, facendogli presente che anche l’Onu ha espresso “profonda preoccupazione per la grave regressione” che comporterebbe un’attuazione del provvedimento.

Video Michele Borgia

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Migrante condannato, pluriespulso e indagato chiede lui stesso di essere espulso. La burocrazia glielo impedisce

next
Articolo Successivo

Desirée Mariottini, Anpi e Forza Nuova manifestano a San Lorenzo. I partigiani: “No a ronde fasciste”

next