Il senatore leghista Simone Pillon è stato contestato a Massa durante un incontro, organizzato da “Generazione famiglia” e “Famiglia, scuola, educazione”, sul disegno di legge che porta il suo nome come primo firmatario.
Un gruppo di circa 70 cittadini ha accolto l’esponente del Carroccio con striscioni e interventi di critica al ddl 735, riempiendo di fatto “una sala altrimenti deserta”, come fanno sapere dai comitati. “Pillon: decido io, la mia strada la scelgo io”, si leggeva su uno degli striscioni, e ancora “La famiglia naturale non esiste”.
Il gruppo, secondo quanto si apprende, ha contestato a Pillon l’obbligo della mediazione anche nei casi di violenza, il concetto di alienazione parentale, il mantenimento diretto e altri punti critici del ddl, facendogli presente che anche l’Onu ha espresso “profonda preoccupazione per la grave regressione” che comporterebbe un’attuazione del provvedimento.

Video Michele Borgia

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Migrante condannato, pluriespulso e indagato chiede lui stesso di essere espulso. La burocrazia glielo impedisce

next
Articolo Successivo

Desirée Mariottini, Anpi e Forza Nuova manifestano a San Lorenzo. I partigiani: “No a ronde fasciste”

next