Il Parlamento europeo ha approvato una risoluzione che invita gli Stati membri a mettere al bando i gruppi neofascisti e neonazisti, citando anche Casapound. L’atto dell’assemblea di Bruxelles, che non ha valore vincolante, è stato approvato con 355 voti favorevoli, 90 contrari e 39 astensioni.

Nel testo si ricordano gli omicidi e le violenze compiute dai militanti di estrema destra negli Stati dell’Unione: l’attacco all’isola di Utoya, dove a luglio 2011 il neonazista Anders Breivik uccise 77 persone; l’assassinio dell’eurodeputata britannica Jo Cox nel 2016; nonché gli spari a sei migranti africani da parte di Luca Traini nel febbraio scorso a Macerata. E anche l’aggressione al corteo antifascista avvenuta a settembre a Bari ad opera – secondo gli investigatori – proprio di Casapound, in cui rimasero feriti l’europarlamentare Eleonora Forenza e altri due militanti di sinistra.

Il documento sostiene che l’impunità di cui godono in molte parti d’Europa le organizzazioni neofasciste è una delle ragioni che spiega l’aumento degli episodi d’intolleranza. Sono inoltre necessarie – si legge – misure per contrastare la diffusione del razzismo, del fascismo e della xenofobia su Internet, da attuare in collaborazione con le aziende di social media.

Il Parlamento esprime preoccupazione per gli episodi di collusione, dimostrata in alcuni Stati membri, tra i politici e le forze dell’ordine da una parte e i leader dei gruppi neofascisti dall’altra: chiede quindi agli Stati di condannare e sanzionare esplicitamente i crimini basati sull’odio razziale, i discorsi xenofobi e la ricerca di capri espiatori da parte dei rappresentanti politici, in quanto suscettibili di fomentare odio e violenza. I vari Paesi, infine, dovrebbero istituire “programmi di uscita” per aiutare i singoli individui a lasciare i gruppi neofascisti e neonazisti.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Alto Adige, manifesti di Casapound con foto di giunta provinciale e migranti: “Ripuliamo il Südtirol”. Aperta inchiesta

next
Articolo Successivo

Bari, sequestrata sede di Casapound: 30 indagati per riorganizzazione del partito fascista. “Aggredirono antirazzisti”

next