Soprattutto, far sentire il cliente a proprio agio: è questo l’obiettivo di Audi, alle prese col lancio commerciale della e-tron, primo modello 100% elettrico del marchio tedesco. I clienti del suv, che in Italia avrà un prezzo di circa 84 mila euro, potranno sfruttare l’accordo tra Audi ed Enel X (società dedicata allo sviluppo della mobilità elettrica e dei servizi digitali), beneficiando dell’offerta “Ready for e-tron”.

Trattasi di un’opzione gratuita che include un sopralluogo domestico da parte di Enel, della consulenza per l’aumento della potenza elettrica dell’impianto di casa, della predisposizione del sistema di ricarica e dell’accesso – mediante l’app e la card Enel X Recharge – alla rete pubblica Enel X. Inoltre, privati e aziende beneficiano di un bonus gratuito di 3.300 kW d’energia in due anni, equivalenti a una percorrenza media stimata di oltre 14mila chilometri. Al momento sono 14 mila gli ordini accumulati dal costruttore per la e-tron, di cui 8 mila nella sola Norvegia. Le prime consegne sono in programma per il primo trimestre 2019.

“Attualmente installiamo 100 colonnine di ricarica a settimana”, spiega Francesco Venturini ad di Enel X, nonché uno dei primi 100 acquirenti che hanno prenotato la e-tron in Italia. Enel si è impegnata a installare nel bel paese circa 7 mila colonnine entro il 2020 per arrivare a 14 mila nel 2022 per un investimento complessivo fino a 300 milioni di euro. Tre i tipi si infrastrutture di ricarica: a 22 kW (si chiamano “quick” e contano per la maggior parte delle colonnine), stazioni a 50 kW (“fast”) e stazioni fino a 350 kW (“ultrafast”).

Come si legge in una nota ufficiale, “nell’ambito del Piano rientra anche il progetto EVA+ (Electric Vehicles Arteries) co-finanziato dalla Commissione Europea, a cui Volkswagen Group Italia partecipa con la stessa Audi e con Volkswagen, insieme ad altri costruttori, che prevede l’installazione di 180 punti di ricarica veloce lungo le tratte extraurbane italiane. Le prime 100 infrastrutture sono state installate, sono attive e permettono la ricarica di Audi e-tron in circa un’ora e 20 minuti”.

Inoltre Enel X collabora con la joint-venture Ionity – di cui fanno parte BMW, Daimler, Ford, Volkswagen – per l’installazione e la gestione delle prime infrastrutture di ricarica ultrafast in Italia, 20 siti che ospiteranno fino a 6 colonnine ciascuno, in grado di ricaricare Audi e-tron in circa 30 minuti. Il progetto Ionity, punta ad ampliare la rete europea di ricarica rapida per EV: entro il 2020 saranno attivate oltre 400 stazioni di ricarica lungo le principali arterie del vecchio continente.

Entro il 2025, Audi (che è un marchio di Gruppo Volkswagen) introdurrà sul mercato 12 modelli elettrici e offrirà una variante a zero emissioni o ibrida plug-in per ogni modello in gamma. “Siamo alle prese con la più importante operazione di elettrificazione nel mondo automotive, sia in termini di investimenti che di complessità tecnologica”, spiega Massimo Nordio, ad di Volkswagen Group Italia: “Riteniamo che con l’ampliamento della rete di ricarica cresceranno molto anche le quote di mercato delle vetture elettriche”.

La strategia Audi prevede, entro il 2025, l’investimento di 40 miliardi di euro nei settori dell’e-mobility, della guida autonoma e della digitalizzazione. Un piano che s’inserisce nel programma di Gruppo Volkswagen per la mobilità sostenibile, su cui il colosso tedesco spenderà 90 miliardi di euro nei prossimi 7 anni. “Gli obiettivi del Gruppo sul fronte dell’e-mobility sono ben definiti: entro il 2025 saranno introdotti 80 nuovi veicoli elettrici (50 BEV e 30 ibridi plug-in), mentre entro il 2030 sarà disponibile almeno una versione elettrificata per ciascuno dei circa 300 modelli che compongono l’intera gamma”.