“Che sappiamo come cominciano i populismi: seminare odio. Non si può vivere seminando odio”. Papa Francesco si rivolge ai giovani durante l’incontro di presentazione all’Augustinianum del progetto e del libro La saggezza del tempo, scritto insieme a padre Antonio Spadaro, direttore de La Civiltà Cattolica. Per Bergoglio è importante “che i giovani conoscano come nasce un populismo” e fa riferimento “a Hitler nel secolo scorso, che aveva promesso lo sviluppo della Germania“.

“I giovani non hanno l’esperienza delle due guerre – ha aggiunto il Papa -. Io ho imparato da mio nonno che ha fatto la prima nel Piave tante cose, anche le canzoni ironiche contro il re e la regina. Cosa lascia una guerra? Milioni di morti nella grande strage. Poi è venuta la seconda, l’ho conosciuta a Buenos Aires con tanti migranti arrivati: italiani, polacchi, tedeschi. Sentendo loro, capii, tutti capivamo, cos’era una guerra che da noi non si conosceva. Credo sia importante che i giovani conoscano il risultato delle due guerre del secolo scorso. È un ‘tesoro’, negativo, ma prezioso per creare le coscienze. È importante perché non cadano nello stesso errore“.

Durante l’incontro è tornato anche sul tema dei migranti, di cui aveva parlato anche durante la conferenza mondiale sulla xenofobia, e della necessità di un intervento da parte della comunità internazionale. “I migranti – ha continuato il papa – vanno accolti col cuore e le porte aperte. La chiusura è la strada del suicidio. È vero che si devono accogliere i migranti, ma si devono accompagnare e soprattutto si devono integrare“. Secondo Bergoglio “un governo deve avere cuore aperto per ricevere, le strutture buone per fare la strada dell’integrazione, e anche la prudenza di dire ‘fino a questo punto posso, poi non posso più'”. Ma la questione della migrazione, ha ricordato, “è l’emergenza di tutta l’Europa: si metta d’accordo perché il peso più grande lo hanno portato l’Italia, la Grecia, la Spagna, e anche Cipro“. E ha concluso: “Cosa faccio io quando vedo che il Mediterraneo è un cimitero? Dico la verità: soffro, prego, parlo, non dobbiamo accettare questa sofferenza”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Velisti scomparsi in Portogallo, procura di Roma apre indagine. La moglie: “Fonte dice che sono stati speronati da un cargo”

next
Articolo Successivo

Roma, cede la scala mobile della metro: 24 feriti, uno grave. Coinvolti tifosi del Cska Mosca

next