Si davano appuntamento su Facebook o Instagram per poi arrivare alla rissa. È la nuova pericolosa “moda” che, sostengono le forze dell’ordine, nelle ultime settimane è spopolata tra i teenager di Piacenza. Ne è un esempio l’ultimo “evento” organizzato lo scorso sabato in via Nicolodi che ha permesso alla polizia di identificare 63 giovani, tutti tra i 13 e i 17 anni, e ai carabinieri di condurne in caserma altri 6.

Gli appuntamenti sembrerebbero avere cadenza settimanale e sono già arrivati a quota tre. Data e ora sono state definite e diffuse via social, così come il “ring” itinerante in diversi posti della città. Un fenomeno in aumento sul quale le forze dell’ordine hanno posto la loro attenzione. “Non inseguite i falsi miti della violenza, state attenti perché rischiate grosso con la legge”, ha commentato il questore della città emiliana Pietro Ostuni.

Secondo le indagini, un gruppo di dieci ragazzini avrebbe organizzato le risse, dando poi appuntamento sui social ai loro coetanei, considerando il picchiarsi a vicenda una specie di “spettacolo”.

“La polizia postale sta scandagliando il web per risalire ai video, alle foto e ai profili che li hanno postati sui vari social. Tutto ciò che si fa in rete lascia traccia – sottolinea il questore piacentino – Mi rivolgo anche a genitori e insegnanti: prestate attenzione ai nostri ragazzi, a cosa fanno e a cosa dicono, perché è fondamentale”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Razzismo, ragazza discriminata sul Frecciarossa da una passeggera: “Io non voglio stare vicino a una negra”

prev
Articolo Successivo

Migranti, blitz interforze durante una serata organizzata da don Biancalani: “Resisteremo. In nome del Vangelo”

next