Alla Milan GamesWeek in area Indie abbiamo incontrato Paola Pasini di Twin Wolves Studio, giovane realtà che ha fondato nel 2017 insieme a Luca Guareschi; mossi dall’amore per il cinema e i videgiochi, lo staff di Twin Wolves cerca di unire entrambi i mondi nella creazione di esperienze uniche, come il loro primo lavoro in Vr: “LIZ: Before the Plague“.

Liz, la protagonista del gioco è una poliziotta che viene chiamata da una casa farmaceutica a investigare su un misterioso incidente presso la loro sede, ovviamente si troverà invischiata in qualcosa che non si aspettava di trovare…Il gioco punta all’immersività del giocatore, che oltre alle armi trova tutte le informazioni sul pad presente sul braccio della protagonista, rendendo
l’esperienza intensa e appassionante!
(video di Fabio Abati)
close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Recensione Honor View 10 Lite: lo smartphone per i millennials e per chi ama lo schermo grande. Costa 269 euro

prev
Articolo Successivo

Privacy sul web, dispiace deludere ma il ‘Do Not Track’ non serve a nulla

next