“Nel testo del decreto letto lunedì sera c’era la dichiarazione integrativa con dentro il condono penale e i capitali dall’estero? No, perché quello è stato oggetto di una riunione politica e Conte ha letto i termini generali dell’accordo in Cdm“. A dirlo, il vicepresidente del Consiglio, Luigi Di Maio, in una diretta Facebook. “Da bugiardo non voglio passare e anche per questo quando mi si dice che ero distratto io non ci sto“, aggiunge, replicando a quanto affermato in una precedente diretta Facebook da Matteo Salvini.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Pace fiscale, scontro tra i vicepremier. Salvini: “In cdm Conte leggeva e Di Maio scriveva”. Il vicepremier M5s: “Io bugiardo o distratto? Non ci sto”

prev
Articolo Successivo

Di Maio a Salvini: “Emendamenti al suo decreto? Non è colpa mia se è in campagna elettorale. Io sto qui”

next