“Nel testo del decreto letto lunedì sera c’era la dichiarazione integrativa con dentro il condono penale e i capitali dall’estero? No, perché quello è stato oggetto di una riunione politica e Conte ha letto i termini generali dell’accordo in Cdm“. A dirlo, il vicepresidente del Consiglio, Luigi Di Maio, in una diretta Facebook. “Da bugiardo non voglio passare e anche per questo quando mi si dice che ero distratto io non ci sto“, aggiunge, replicando a quanto affermato in una precedente diretta Facebook da Matteo Salvini.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Pace fiscale, scontro tra i vicepremier. Salvini: “In cdm Conte leggeva e Di Maio scriveva”. Il vicepremier M5s: “Io bugiardo o distratto? Non ci sto”

next
Articolo Successivo

Di Maio a Salvini: “Emendamenti al suo decreto? Non è colpa mia se è in campagna elettorale. Io sto qui”

next