“C’erano due persone protagoniste di quel Cdm in cui si è discusso del decreto fiscale che ora fa inorridire i 5 stelle. Uno leggeva il testo e uno scriveva, verbalizzava. Chi leggeva era il presidente Conte, che ha tutta la mia stima, che sta battagliando in Europa per difendere l’Italia. Lui leggeva e Di Maio verbalizzava. Anche Di Maio è corretto e coerente, conto di lavorare bene con lui per cinque anni. Ma passare per amici dei condonisti proprio no… Quella cosa è stata letta e verbalizzata da Conte e Di Maio”. Così Matteo Salvini in diretta Facebook.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Pace fiscale, Fico: “Si agisce all’interno di un filo rosso che è il contratto. Noi diversi dalla Lega”

prev
Articolo Successivo

Salvini a Di Maio: “Al dl sicurezza il M5s ha presentato 81 emendamenti. Ragazzi, non è così che si lavora”

next