La commissione Ue rigetterà la manovra del bilancio italiano: lo sostiene il commissario al Bilancio Ue, Güenther Oettinger, allo Spiegel on line.”Si è confermata l’ipotesi che la bozza di bilancio 2019 non è conciliabile con gli obblighi esistenti nell’Ue”, afferma Oettinger. Secondo la prima versione dello Spiegel, comunque, una lettera del commissario agli Affari economici Pierre Moscovici dovrebbe arrivare a Roma giovedì o venerdì. Ma passa meno di un’ora e le dichiarazioni di Oettinger diventano “una mia opinione personale” come scrive lui stesso su twitter. “Non ho detto che ci sia una decisione della Comissione Ue sull’Italia e nemmeno che questo giovedì o venerdì verrà inviata una lettera con la bocciatura”.

Poco dopo in fondo all’articolo dello Spiegel compare una nota della redazione che definisce come “non corretto” il loro precedente titolo: “La Commissione Ue respinge la manovra dell’Italia”. Fonti di Bruxelles hanno infatti negato al settimanale tedesco che sia già stata presa una decisione e soprattutto che verrà inviata una lettera a Roma già giovedì o venerdì. La Commissione infatti ha chiarito che qualsiasi provvedimento verrà preso soltanto dopo il dialogo finale tra Moscovici e il governo italiano.

Una versione confermata all’Ansa dallo stesso commissario Moscovici: “La Commissione Ue e gli Stati della zona euro hanno molte domande sugli obiettivi di bilancio inseriti dal Governo italiano per il 2019, e sulle conseguenze per l’equilibrio dei conti di questo bilancio espansionistico. Ne parlerò principalmente con il ministro Tria, con cui ho sempre avuto discussioni costruttive in questi mesi”. Moscovici spiega che la sua visita a Roma “sarà l’occasione di proseguire il nostro dialogo con le autorità italiane”.

Rimane il fatto che “l’opinione personale” del commissario al Bilancio dell’Unione europea è comunque significativa. Per Oettinger “dobbiamo chiedere all’Italia di cambiare il documento programmatico di bilancio”. Lo Spiegel ricorda tra l’altro che “il governo italiano è ancora al di sotto del limite di Maastricht del tre per cento con i suoi nuovi piani di debito”, ma “secondo le regole dell’Ue, l’Italia deve anche ridurre il suo debito pubblico“. Il presidente del Consiglio Giuseppe Conte, intanto, è a Bruxelles dove incontrerà i capi di Stato e di governo dell’Unione. Se c’è un margine per cambiare la manovra? “Noi l’abbiamo studiata molto bene, quindi direi che non c’è” risponde Conte prima di entrare in un bilaterale con la cancelliera della Germania Angela Merkel. E quindi una bocciatura non è contemplata: “Confido in un dialogo costruttivo, sicuramente avremo delle osservazioni e ci confronteremo con esse”.

La prima risposta del governo, però, arriva da Mosca, dove il vicepresidente Matteo Salvini si trova in visita: “La manovra – dice il ministro – farà crescere l’economia italiana e sento che l’Europa preannuncia che la boccerà. Lancio un appello a Berlino, Parigi, Bruxelles: lasciateci lavorare, lasciateci occuparci degli italiani. Non stupiamoci se poi gli italiani diventano euroscettici”. “Siamo convinti della manovra, non la cambieremo – aggiunge Salvini – Smettetela e lasciate che il governo italiano lavori per gli italiani”. Il leader della Lega ribadische “la manovra non cambia, faccio mio l’invito di Draghi a usare buon senso: ci sono 60 milioni di italiani che aspettano risposte. Non permetteremo di essere commissariati da niente e nessuno, non si sognino da Bruxelles d’inviarci commissari, troika, padroni o padroncini. Non è immaginabile”. 

Più articolata la risposta di Luigi Di Maio, l’altro vicepremier, su facebook: “Oettinger e tutti i commissari europei dovrebbero iniziare a comportarsi da persone serie e mordersi la lingua tre volte prima di fare dichiarazioni, come faceva il signor Palomar, raccontato da Calvino, il quale se al terzo morso di lingua era ancora convinto della cosa che stava per dire, la diceva; se no stava zitto. In questo modo passava settimane e mesi interi in silenzio”. Di Maio aggiunge che presto incontrerà la stampa estera per “raccontare la manovra del popolo”.”Oettinger e tutti gli altri commissari aprano le orecchie e ascoltino attentamente prima di sparare sentenze”, scrive ancora Di Maio. “Un rifiuto a prescindere è intollerabile – conclude – Gli impegni saranno rispettati, ma non si può più morire di austerità”.

A parlare dell’Italia e della sua legge di bilancio oggi sono stati anche due capi di governo europei. Uno è Sebastian Kurz, primo ministro dell’Austria, popolare che governa insieme agli euroscettici della Fpö: “Per la tenuta dell’euro  – ha detto Kurz – l’Italia rispetti le regole: non ci accolleremo rischi incalcolabili di altri”. Un altro è il premier del Lussemburgo, appena reincaricato, Xavier Bettel: “Ne parleremo domani, fa sempre bene discuterne insieme, ci devono anche spiegare cosa intendono e io devo anche ascoltare la Commissione Ue per sapere qual è la sua posizione”. Si aggiunge anche Manfred Weber, capogruppo dei Popolari all’Europarlamento: “La manovra italiana è sul tavolo e ci aspettiamo la valutazione della Commissione europea. Credo che sia importante prima di tutto capire i problemi che ci sono in Italia come l’alta disoccupazione specie fra i giovani o delle molte persone che sentono di non avere prospettive per il futuro, credo che l’Europa debba prendere tutto ciò in considerazione”. “Ma allo stesso guardo anche ai leader spagnoli, portoghesi, greci, che si chiariscano sul fatto che la decisione italiana, non è solo una decisione sulla manovra italiana, ma è una decisione che ha un impatto sugli altri. Siamo una famiglia, siamo seduti nella stessa barca e abbiamo bisogno di un’onesta e franca discussione“.