“Sull’immigrazione serve una equa condivisione delle responsabilità e dobbiamo consolidare quel cambio di paradigma sancito all’ultimo Consiglio. Sino a quando non avremo garanzie su questo punto non accetteremo a scatola chiusa soluzioni sui movimenti secondari, che stanno a cuore ad altri Paesi”. A rivendicarlo il presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, intervenendo in Aula al Senato, in vista del prossimo Consiglio europeo del 18 ottobre.
“All’Unione Europea serve un cambio di passo, deve essere più vicina ai suoi cittadini”, ha continuato Conte. Per poi sottolineare: “L’Italia è un Paese fondatore, è contributore netto. Forte di questa posizione andiamo a Bruxelles con una manovra economica di cui siamo orgogliosi e su cui vogliamo dialogare senza pregiudizi. Quella dell’austerity è una strada non più percorribile, si cambi passo”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Tap, il tubo che risucchia le stelle. Se M5s dà l’assenso all’opera i pugliesi non perdoneranno

next
Articolo Successivo

La nuova esercitazione del sottosegretario alla Difesa Tofalo (M5s): dopo aver imbracciato un mitra, si lancia coi parà

next