Cinque anni e mezzo e 6 anni di reclusione: queste le pene a cui la terza sezione penale del Tribunale di Milano, presieduta da Ilio Mannucci Pacini, ha condannato rispettivamente Corrado Coen e Maurizio Cimatti, ex amministratori di Norman95, per il reato di bancarotta fraudolenta.

La società di gestione immobiliare era fallita nel luglio 2011: oltre al crac Norman, il processo riguardava i fallimenti della Lagafì srl (riconducibile a Cimatti e fallita nel dicembre 2011) e della Sofie spa, fallita nel luglio 2013. Tre anni e mezzo di carcere, invece, per Eugenio Creti, ex legale rappresentante e presidente del cda di Sofie. Assolti gli altri quattro imputati, tra cui Lorenzo Caruso, legale rappresentante e amministratore unico della Lagafì.

Coen e Cimatti sono stati inoltre condannati a versare, a titolo provvisionale, una somma ai fallimenti di Norman95 (rispettivamente di 11,5 e 2,5 milioni) e Sofie (5,6 e 1,2 milioni), costituite parti civili. Una decina, secondo i pm, le operazioni che hanno portato al crac delle tre società, creando un buco di quasi 24 milioni. La Norman, società di cui Fabrizio Palenzona (mai indagato per la vicenda) è stato vicepresidente, si era vista respingere la proposta di concordato preventivo. Era stata invece accolta l’istanza di fallimento proposta dall’allora pm – ora pg in Cassazione – Luigi Orsi, che ha coordinato le indagini assieme ai colleghi Gaetano Ruta e Isidoro Palma. Le motivazioni della sentenza saranno depositate entro 90 giorni.

Aggiornato da redazione web il 31-7-19

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Jp Morgan: “Impennata dello spread è opportunità di investimento. Sostenibilità del debito italiano non in discussione”

prev
Articolo Successivo

Gse, c’è l’accordo per i nuovi vertici: si separano i ruoli di presidente e ad. Nominati Vetrò e Moneta

next