“Rischio infiltrazione mafiosa nei cantieri per la ricostruzione del ponte a Genova? Possibile, serve vigilare. Ma ritengo che non sia una buona ragione per non ricostruire o rallentare le opere”. A rivendicarlo è il presidente della regione Liguria Giovanni Toti, nel corso di una conferenza alla sede della stampa estera a Roma, dopo la denuncia del presidente dell’Anac Raffaele Cantone, secondo cui c’è nel decreto una lacuna – la deroga  al codice Antimafia – che può comportare un rischio infiltrazione.
Toti però minimizza: “Il cantiere non avrà molti subappaltatori, si tratta di un cantiere sofisticato, non è movimentazione terra. In franchezza, credo che al commissario per la ricostruzione Bucci siano stati affidati poteri equilibrati“. E ancora, rispetto alle tempistiche: “Credo che un tempo ragionevole per completare la ricostruzione del ponte sia entro il 2019, come ha detto Conte. Altrimenti, se non lo fosse, qualcosa sarà stato sbagliato”.
close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Anticorruzione, Cantone: “Pentito delle mazzette può essere agente provocatore. Bene leggi su finanziamento alla politica”

prev
Articolo Successivo

Forza Italia, Toti: “Non voglio scissioni ma il partito rifletta su errori”. E scherza: “Il ‘quid’ per ricostruire? Porta male”

next