Parafrasando un detto vecchio come il mondo, l’unione fa la tecnologia. Specie in campo automobilistico, dove gli investimenti pensano come macigni: per questo Honda si è alleata con General Motors per lo sviluppo della guida autonoma, esattamente come hanno unito le forze SoftBank e Toyota. Ma andiamo con ordine.

La collaborazione fra Honda e GM prevede che i giapponesi investano 2,75 miliardi di dollari in “Cruise”, la divisione del colosso americano che si occupa di veicoli col pilota automatico. Una stretta di mano che garantisce a Honda il 5,7% del capitale di Cruise – versando prima una tranche da 750 milioni, il resto nei prossimi 12 anni – e di cementare ulteriormente i rapporti con GM, già in essere per via della collaborazione sui veicoli elettrici.

Nell’azionariato di Cruise è presente da pochi mesi pure SoftBank, gigante giapponese dell’high-tech: erogherà alla società di GM circa 2,2 miliardi di dollari in un lasso di tempo breve, arrivando al 19,6% del capitale della società del gruppo GM. Inoltre SoftBank ha appena siglato una joint venture con Toyota, da cui è nata “Monet Technologies”: quest’ultima vale già 15,3 milioni di euro e nei prossimi anni sarà foraggiata con altri 76,4 milioni. La Monet (acronimo di Mobility network) apparterrà per il 50,25% a Softbank, mentre il resto sarà di Toyota.

L’obiettivo è di lanciare in Giappone, entro il 2020, un servizio di ride-hailing per poi concentrarsi sullo sviluppo, anche all’estero, di soluzioni per la mobilità basate su veicoli elettrici e autonomi simili alla concept e-Palette, presentata da Toyota al Ces di Las Vegas.

Nel “chi arriva prima” a inserire sul mercato l’autonomous driving, in pole position sembra però esserci Waymo, controllata da Google e pronta a lanciare i suoi robo-taxi già entro fine anno. GM punta a pareggiare il conto con Big G nel 2019, mentre l’altra colonna dell’industria automobilistica yankee, Ford, non dovrebbe essere pronta prima del 2021.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Divieti e guerra santa al diesel. Ma ci rimette chi è costretto a cambiare l’auto

prev
Articolo Successivo

Jeep Renegade Phev, Pietro Gorlier: “verrà prodotta a Melfi”

next