Ieri l’incontro, oggi la conferma, la firma sul decreto e un messaggio al presidente del Consiglio: “Gli obblighi della Costituzione vanno rispettati”. È questo il senso della lettera inviata dal presidente della Repubblica Sergio Mattarella contestualmente alla firma sul decreto sicurezza. Un messaggio, quello del capo dello Stato, subito commentato dal vicepremier Matteo Salvini, che dopo aver assicurato il rispetto della Carta, ha sottolineato che “non vogliamo passare per fessi”.

IL CONTENUTO DELLA LETTERA DI MATTARELLA A CONTE
A dare notizia della firma sulla legge è stata una nota ufficiale del Quirinale. Il testo della missiva è molto chiaro. Eccolo, testualmente: “Signor presidente, in data odierna – ha scritto il capo dello Stato – ho emanato il decreto legge recante: ‘Disposizioni urgenti in materia di protezione internazionale e immigrazione, sicurezza pubblica nonché misure per la funzionalità del ministero dell’Interno e l’organizzazione e il funzionamento dell’Agenzia nazionale per l’amministrazione e la destinazione dei beni sequestrati e confiscati alla criminalità organizzata’. Al riguardo – ha aggiunto Mattarella, entrando nel merito del suo avviso a Giuseppe Conte – avverto l’obbligo di sottolineare che, in materia, come affermato nella Relazione di accompagnamento al decreto, restano ‘fermi gli obblighi costituzionali e internazionali dello Stato’, pur se non espressamente richiamati nel testo normativo, e, in particolare – conclude la nota – quanto direttamente disposto dall’articolo 10 della Costituzione e quanto discende dagli impegni internazionali assunti dall’Italia”.

Chiaro il riferimento alla questione migranti. L’articolo 10 richiamato da Mattarella nella sua lettera al presidente del Consiglio, del resto, non lascia spazio a dubbi: “L’ordinamento giuridico italiano si conforma alle norme del diritto internazionale generalmente riconosciute – è scritto nella Carta – La condizione giuridica dello straniero è regolata dalla legge in conformità delle norme e dei trattati internazionali. Lo straniero, al quale sia impedito nel suo paese l’effettivo esercizio delle libertà democratiche garantite dalla Costituzione italiana, ha diritto d’asilo nel territorio della Repubblica, secondo le condizioni stabilite dalla legge. Non è ammessa l’estradizione dello straniero per reati politici“.

LA RISPOSTA DI SALVINI: “IN PARLAMENTO POTRA’ ESSERE MIGLIORATO, MA NON MOLLO DI UN CENTIMETRO”
Dopo la notizia della lettera a Conte, Salvini ha commentato su Facebook (a modo suo): “Finalmente dopo tante polemiche e tanti che dicevano Mattarella non firmerà, oggi il presidente ha firmato il decreto migranti e sicurezza: ‘ciapa lì’ e porta a cà'” ha detto in diretta il ministro sul proprio profilo. Poi però ha aggiunto un dettaglio non di poco conto: “Ho detto al presidente che rispettiamo la Costituzione ma non vogliamo passare per fessi“. “Figurarsi – ha detto ancora Salvini – io li voglio rispettare tutti gli articoli della Costituzione, italiana, italiana. Quindi per me la Costituzione vale dal primo all’ultimo articolo – ha spiegato – Prima gli italiani significa che mio dovere è rispondere dello stipendio che voi mi pagate – ha sottolineato – garantendo il diritto alla sicurezza, al lavoro, alla vita, alla pensione, alla salute dei cittadini italiani“. Parlando dell’iter parlamentare della legge, il vicepremier ha anticipato quelle che saranno le sue mosse: “Finalmente c’è un decreto, a firma di Salvini, che comincia dalla settimana prossima il suo viaggio in Parlamento – ha detto Salvini – Potrà essere migliorato ma non mollo di un millimetro: su espulsioni, cittadinanza, permessi umanitari non torno indietro. Sono stanco, ma contento“. “Con questo decreto – ha detto ancora il ministro dell’Interno – si dà asilo politico a chi lo merita, per tutti gli altri è finita la pacchia e chi fa il furbetto vince un biglietto di sola andata”. Sempre nella sua diretta Facebook, Salvini ha anche aggiunto che “diamo una sforbiciata ai furbetti italiani e a quegli avvocati che facevano ricorsi spesso infondati”, ha aggiunto. “Non è in questo decreto, ma stiamo lavorando al taglio dei 35 euro famosi”, ha poi annunciato il titolare del Viminale.

L’INCONTRO DI IERI AL QUIRINALE TRA SALVINI E MATTARELLA
La firma sul decreto è arrivata dopo un incontro tenutosi ieri al Quirinale tra il presidente della Repubblica e il ministro dell’Interno Matteo Salvini. Il titolare del Viminale, confermando quella che fino a stamattina era un’indiscrezione, ha sottolineato che il faccia a faccia al Colle “è la chiusura virtuosa di un percorso condiviso con tutti – ha detto Salvini – Mai decreto è stato così tanto accompagnato e studiato come questo sulla sicurezza e l’immigrazione. Ma è giusto che sia così visto che si tratta di un tema importante e rilevante“. Il vicepremier, poi, ha sottolineato che durante l’incontro (definito “cordiale e positivo”) con il presidente della Repubblica “sono state fatte rifiniture al testo del provvedimento”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Riace, Sgarbi: “Mimmo Lucano come chi ricoverava gli ebrei in età fascista. Azione giudiziaria criminale”

prev
Articolo Successivo

Militari, la Trenta detta le regole: questo sindacato sembra una caserma

next