“Nel momento in cui si dice ai cittadini che, siccome si alza lo spread, bisogna tagliare i servizi sociali e ridurre i diritti dei lavoratori, allora lo si usa come strumento politico per favorire determinati centri d’interesse anziché altri. Insomma, l’antichissima lotta di classe”. Così a Dimartedì (La7) l’economista Lidia Undiemi si pronuncia sull’andamento dello spread, che ieri ha sfondato quota 300 punti, chiudendo ai massimi da aprile 2013 a 303. E spiega: “Dobbiamo partire dal presupposto che lo spread è entrato nelle nostre vite con una missione politica: salvaguardare gli interessi finanziari della zona Euro, togliendo risorse alla collettività. Quando con l’ultimo governo Berlusconi lo spread aumentò al punto da mettere in crisi l’esecutivo, le riforme richieste dalla Bce furono riforme contro il popolo: riforma del sistema pensionistico, riforma della contrattazione collettiva per poter ridurre meglio i salari, riforma sulla licenziabilità (art.18). Eppure” – continua – “in tutti questi anni, da un lato, abbiamo attuato le politiche di austerità, dall’altro abbiamo impegnato decine di miliardi per salvare la zona Euro con il famoso fondo salva-Stati. La questione, insomma, è prettamente politica”. Carlo Cottarelli, ex Fmi oggi a capo dell’Osservatorio conti pubblici, obietta: “Se ci fosse un complotto, quando, qualche settimana fa, lo spread è sceso, cosa era? Era finito il complotto? No, è che sembrava che il governo desse indicazioni su una moderazione del livello del deficit. E i mercati hanno risposto positivamente. Quindi, non mi sembra che i mercati ce l’abbiano, a prescindere, con questo governo”. Undiemi puntualizza: “Evidentemente sono stata fraintesa. Non c’è nessun complotto, si tratta di politica

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Manovra, Di Maio: “Stiamo da 4 mesi e veniamo trattati come incompetenti appestati”. Battibecco con Merlino

prev
Articolo Successivo

Mentana: “Salvini su Juncker e Mimmo Lucano? Non esiste che un ministro dica quelle cose e che esulti per un arresto”

next