“Sono consapevole di aver lanciato una bomba in una favola. E mi pesa moltissimo. Oltre alla favola, però, c’era una realtà parallela diversa. In ogni caso, coltivo sempre il dubbio che possa essermi sbagliato”. A parlare è il procuratore di Locri, Luigi D’Alessio, che ha coordinato l’indagine che ha portato agli arresti il sindaco di Riace, Domenico Lucano. “Il progetto è nobile, ma è stato realizzato trasgredendo numerose leggi” ha aggiunto il magistrato. “Noi non processiamo il modello Riace, ma gli illeciti che sono stati commessi”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Stadio della Roma, nuovo interrogatorio per Parnasi: spunta una casa in comodato d’uso per un politico

next
Articolo Successivo

Macerata, Luca Traini condannato a 12 anni con il rito abbreviato. Ferì sei stranieri dopo omicidio Pamela

next